Cronaca

Scoperta di amianto al Parco Aldo Moro a Messina, scatta il sequestro

Parco Aldo Moro Messina

Il Parco Aldo Moro di Messina, inaugurato solo tre settimane fa, è stato chiuso a causa del sospetto ritrovamento di amianto. Il sequestro, avvenuto ieri alle 13, è stato disposto dalla Procura della Repubblica e attuato dalla Polizia municipale, provocando sorpresa e preoccupazione tra i cittadini. Il Comune ha affidato alla magistratura e all’Arpa il compito di eseguire approfondimenti necessari per determinare la natura del materiale trovato.

Il primo allarme è scattato mercoledì scorso a seguito di una segnalazione riguardante una porzione della scarpata che divide il parco dal viale Regina Margherita. Durante la pulizia del declivio, sono emersi rifiuti, tra cui frammenti che potrebbero contenere amianto. L’Arpa ha prelevato campioni per analizzarli e determinare la presenza del pericoloso materiale.

CanaleSicilia

Sequestro Parco Aldo Moro

Nonostante la recinzione della scarpata, il parco è rimasto accessibile fino alla scoperta di altri possibili contaminanti. Durante la campionatura, si è notato che alcune strutture in cemento armato, contenenti otto sfiati di areazione, potrebbero essere state costruite con cemento amianto. Questi sfiati, in parte danneggiati, potrebbero potenzialmente rilasciare fibre nocive nell’aria.

La scarpata e l’area del vecchio sismografo, pur essendo esterne all’area di utilizzo del parco, sono state incluse nella convenzione trentennale con il Comune per il diritto d’uso. Subito dopo l’apertura del parco, è stato posizionato un cartello attorno al sismografo sotterraneo per vietarne l’accesso.

I campioni prelevati verranno esaminati dall’Arpa entro giovedì, per confermare o escludere la presenza di amianto. Se i test confermeranno la presenza di amianto, sarà necessaria una bonifica immediata per eliminare qualsiasi rischio di inquinamento. L’amministrazione comunale, venuta a conoscenza dei dettagli del sequestro, ha ribadito la propria fiducia nella magistratura e negli enti competenti per risolvere rapidamente la situazione.

© Riproduzione riservata.

Stampa Articolo

Leggi la Prima Pagina

Articoli correlati

Tasto back to top