Attualità

Truffa sui social dei “pacchi non reclamati ” Amazon, come funziona?

Pacchi Non Reclamati

Amazon non c’entra niente. La truffa dei pacchi Amazon non reclamati continua a diffondersi sui social media, attirando utenti con la promessa di ottenere articoli di valore a prezzi irrisori. Il fenomeno, noto come “brushing”, è recentemente riapparso su Facebook, dove post sponsorizzati pubblicizzano la vendita di pacchi Amazon non reclamati per pochi euro. Tuttavia, questi annunci ingannevoli servono solo a rubare denaro e dati personali degli utenti.

I post sponsorizzati su Facebook annunciano la svendita di pacchi inevasi con dichiarazioni allettanti, come “Ogni anno si accumulano nei magazzini molti pacchi non reclamati. Amazon può distribuire articoli a caso per soli 1,95 €”. Questi annunci sono accompagnati da immagini di bancali di prodotti e magazzini con striscioni che recitano “Pacchi non reclamati. Distribuzione e liquidazione”. I commenti sottostanti sono spesso entusiastici, con utenti che affermano di aver ricevuto smartphone ed elettrodomestici in ottime condizioni.

CanaleSicilia

Pacchi Non Reclamati

Cliccando sul link del post, gli utenti vengono reindirizzati a un sito che imita graficamente quello di Amazon. In un italiano approssimativo, vengono invitati a partecipare a un sondaggio e a un gioco per scegliere tra tre pacchi misteriosi. Dopo aver selezionato un pacco, il sito mostra il contenuto e invita gli utenti a inserire i propri dati, inclusi gli estremi bancari, per ottenere articoli come aspirapolveri e macchine per il caffè a soli 1,95 euro. Tutti i segnali indicano una truffa ben orchestrata.

Amazon, che non è coinvolta in queste offerte, ha creato una pagina informativa per mettere in guardia i consumatori su questo tipo di raggiro. Le associazioni dei consumatori e i vademecum sulla sicurezza online raccomandano di non cliccare su link di dubbia provenienza, specialmente per transazioni di denaro. Altri segnali di truffa includono i commenti entusiastici e sgrammaticati sotto i post e le approssimazioni grafiche e linguistiche del sito web.

Il meccanismo psicologico alla base della truffa è studiato per attirare gli utenti. L’offerta iniziale sembra irresistibile, seguita da un sondaggio e un gioco che richiedono collaborazione, creando l’illusione di un processo di selezione. Infine, la fretta imposta – due minuti per inserire i dati – aumenta la pressione sugli utenti. Questo schema, che continua a riapparire su Facebook, si basa sulla vulnerabilità e sull’impulsività degli utenti, rivelandosi purtroppo efficace.

© Riproduzione riservata.

Stampa Articolo

Leggi la Prima Pagina

Articoli correlati

Tasto back to top