Cronaca

Frode Fondi Europei, 6 denunce e sequestro per 160mila euro

Guardia di Finanza Messina

Un’azienda agricola nel territorio di Tortorici, Messina, è stata accusata di frode ai danni dell’Unione Europea. Le indagini condotte dalle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Messina e coordinate dalla Procura Europea di Palermo hanno portato all’identificazione di una truffa che ha visto sei responsabili coinvolti nel reato.

L’azienda agricola ha ricevuto finanziamenti comunitari per un valore di oltre 160.000 euro, senza alcun titolo legittimo. Questi finanziamenti sono parte della Politica Agricola Comune, finalizzata a sostenere gli agricoltori e promuovere la qualità e la sostenibilità delle produzioni.

CanaleSicilia

Tuttavia, le indagini hanno rivelato che l’azienda agricola non soddisfaceva i requisiti necessari per accedere a tali finanziamenti. Tra le irregolarità emerse, c’era l’uso di contratti di affitto di terreni fittizi e la dichiarazione di possesso di terreni che in realtà appartenevano a terze persone, ignare della frode.

La truffa coinvolgeva anche due Centri di Assistenza Agricola (CAA) che avevano compilato le Domande Uniche di Pagamento. Sorprendentemente, il gruppo investigato aveva persino dichiarato di possedere terreni appartenenti all’ISMEA, l’ente pubblico nazionale con sede a Roma.

Di fronte a queste scoperte, i Procuratori Europei delegati per la Sicilia e Calabria hanno richiesto un provvedimento di sequestro preventivo ai fini della confisca per un ammontare di oltre 160.000 euro, che è stato autorizzato dal GIP del Tribunale di Messina.

Questa frode mette in luce la necessità di un migliore controllo e verifica dei beneficiari dei finanziamenti agricoli europei, al fine di garantire che i fondi vengano effettivamente utilizzati per sostenere l’agricoltura e non cadano nelle mani di truffatori.

© Riproduzione riservata.

Leggi la Prima Pagina

Articoli correlati

Tasto back to top