Cronaca

Sindoni agli arresti domiciliari: il caso delle tre società sotto accusa

Enzo Sindoni

Nel centro dell’attenzione si collocano l’Orlandina Basket, precedentemente promossa in serie A1 nel 2005, la Pubblisystem srl e il consorzio Upea. Accanto a Enzo Sindoni, ex sindaco di Capo d’Orlando, altre tre figure indagate.

Le società coinvolte sono state travolte da disastri finanziari che hanno accumulato debiti per un totale di oltre 86 milioni di euro. Questa è la base dell’accusa che ha portato all’assegnazione degli arresti domiciliari all’imprenditore Sindoni, con l’accusa di bancarotta fraudolenta.

CanaleSicilia

L’ordine di custodia cautelare è stato eseguito dai militari della Guardia di Finanza, in seguito alla decisione della quinta sezione penale della Suprema Corte di Cassazione che ha respinto il ricorso presentato dall’avvocato difensore Carmelo Occhiuto, confermando la precedente ordinanza del Tribunale del Riesame di Messina che imponeva la misura cautelare.

Il pubblico ministero aveva presentato appello al collegio del Riesame, contestando la decisione originale del Gip del Tribunale di Patti, Andrea La Spada, che aveva respinto la richiesta di applicare la misura restrittiva. Enzo Sindoni è accusato di essere l’amministratore effettivo di tre società con sede a Capo d’Orlando, ciascuna attiva in settori diversi.

L’Orlandina Basket, celebre società sportiva che nel 2005 ha raggiunto l’apice della sua storia con l’ingresso in serie A1, è stata guidata da Sindoni in veste di amministratore e rappresentante legale. La Pubblisystem srl  e il consorzio Upea (Unione Produttori Esportatori Agrumi), operante nella commercializzazione dei prodotti agrumicoli, sono le altre due aziende coinvolte. Secondo le accuse provvisorie, queste ultime due società sarebbero state gestite attraverso prestanome.

Nel fascicolo investigativo figurano anche tre ulteriori indagati: Giuseppe Micale, Maria Milone e Santino Gori. Inizialmente, era stata avanzata la richiesta di impedire loro di svolgere attività d’impresa per sei mesi, ma la Cassazione ha annullato questa ordinanza dopo aver accolto il ricorso della difesa.

Guardia di Finanza Capo d'Orlando

L’indagine, condotta dalla Guardia di Finanza della Tenenza di Capo d’Orlando e coordinata dalla Procura della Repubblica di Patti, risale al 2019 e ha scrutato da vicino le procedure fallimentari delle tre società coinvolte.

© Riproduzione riservata.

Leggi la Prima Pagina

Articoli correlati

Tasto back to top