Cronaca

Ragazzina di 13 anni violentata a Catania, identificati due aggressori

Violenza sulle donne

Nella città di Catania, presso i bagni pubblici della nota Villa Bellini, si è consumato un episodio di estrema violenza nei confronti di una minorenne di 13 anni, lo scorso martedì. La giovane, sottoposta a un’esperienza traumatica, ha successivamente identificato due degli aggressori durante un riconoscimento faccia a faccia con i sette ragazzi accusati. Tuttavia, ha dichiarato di non poter riconoscere gli altri cinque partecipanti, esprimendo il desiderio di non incolpare ingiustamente nessuno.

Il riconoscimento degli aggressori è stato possibile anche grazie alla testimonianza del ragazzo che era con la vittima al momento dell’attacco, il quale è stato costretto a osservare l’aggressione. Il gruppo, composto da sette individui di origine egiziana, tra cui tre minorenni, ha perpetrato l’atto di violenza, nonostante le suppliche della giovane: “Vi imploro, vi supplico, non mi fate del male, lasciatemi andare…”.

CanaleSicilia

Carabinieri Catania

Le indagini hanno portato al fermo di tutti e sette gli indagati, compreso l’ultimo membro del gruppo, un minorenne, che era stato fino ad ora introvabile. Quest’ultimo è stato localizzato mentre tentava di raccogliere i propri effetti personali dalla comunità in cui risiedeva, probabilmente nel tentativo di fuggire e sottrarsi alla giustizia.

I Carabinieri hanno eseguito i fermi su mandato della procura distrettuale e della procura per i minori, attribuendo ai giovani la responsabilità dell’aggressione sessuale di gruppo. L’episodio ha scosso la comunità, specialmente dopo che la vittima e il suo fidanzato hanno denunciato il crimine, permettendo alle autorità di identificare i responsabili. – Immagine di repertorio.

© Riproduzione riservata.

Leggi la Prima Pagina

Articoli correlati

Tasto back to top