Cronaca

Donna invalida e malata lasciata senza aiuto muore a Palermo

Morte Donna Palermo

Tragedia a Palermo: Donna obesa e malata muore dopo essere stata lasciata senza assistenza per ore. Famiglia in cerca di aiuto, ma nessuna risposta. Diagnosi complessa durante il ricovero ospedaliero.

Una tragica vicenda si è consumata a Palermo, dove una donna di 67 anni, obesa, invalida e malata, è deceduta intorno a mezzanotte. La donna era stata ricoverata presso il Policlinico per un mese e, ieri pomeriggio, dopo le dimissioni, è rimasta per quasi 4 ore distesa su una barella nell’androne del palazzo in cui abitava, al 13º piano. Nonostante il figlio, Giulio Pillitteri, abbia chiesto aiuto ai vigili del fuoco, alla protezione civile e a diverse associazioni private, nessuno è intervenuto se non i carabinieri, che hanno cercato di assistere la famiglia in ogni modo possibile.

CanaleSicilia

Di fronte all’assenza di aiuto, i familiari hanno deciso di trasferire la donna con un’ambulanza privata nella loro casa di campagna a Ficuzza, una frazione di Corleone, distante circa un’ora da Palermo. Purtroppo, le condizioni della donna sono peggiorate nel corso delle ore. È stato chiamato il 118 e un’ambulanza è stata inviata da Filaga, una frazione di Prizzi, a poco più di 40 km da Ficuzza. Al loro arrivo, i sanitari hanno purtroppo constatato il decesso della donna.

Durante il ricovero presso il Policlinico, la paziente aveva ricevuto una diagnosi complessa. A seguito di una caduta in casa, che aveva provocato una frattura scomposta della spalla lo scorso 23 maggio, i medici avevano riscontrato una disfunzione renale, uno scompenso cardiaco, una polmonite e un’infezione del sangue.

© Riproduzione riservata.

Leggi la Prima Pagina

Articoli correlati

Tasto back to top

AdBlock Rilevato !!

Disattiva AdBlock per poter vedere i contenuti.

CanaleSicilia da oltre 10 anni ti porta video e notizie GRATIS. Per continuare a leggerci nel migliore dei modi, ti chiediamo di disabilitare il tuo AdBlock (blocco della pubblicità). GRAZIE.