Cronaca

Richiesta di scarcerazione respinta, resta in carcere il docente dello Jaci 

Smartphone Telefonino

Il docente Giulio Chiofalo rimarrà in carcere dopo che il Tribunale della libertà ha respinto la richiesta di scarcerazione. L’arresto è avvenuto il 18 dicembre in seguito a un’indagine della Procura, avviata dopo la denuncia della madre di uno studente di 17 anni.

Secondo le indagini, Chiofalo avrebbe elargito cellulari e altri doni costosi in cambio di atti sessuali agli studenti. L’inchiesta coinvolge anche altri minori, e la Procura dei minori sta esaminando il caso. Tuttavia, la tesi del docente, che sostiene di essere stato vittima di estorsione, non ha convinto i giudici.

CanaleSicilia

Attualmente, gli inquirenti stanno valutando i contenuti degli smartphone sequestrati, con particolare attenzione alle chat tra gli studenti e alcuni amici, nonché alle conversazioni con il professore di inglese, già segnalato per comportamenti anomali nella precedente scuola.

L’obiettivo principale è setacciare ogni possibile fonte di prove, inclusi audio, video, fotografie e localizzazioni registrate sui dispositivi, al fine di ricostruire completamente la vicenda denunciata dalla madre dello studente.

© Riproduzione riservata.

Leggi la Prima Pagina

Articoli correlati

Tasto back to top