Attualità

Il palermitano Paolo Levantino segretario nazionale Giovani Farmacisti

Paolo Levantino

Paolo Levantino eletto segretario nazionale dei Giovani Farmacisti: la sua visione per la professione.

Paolo Levantino, presidente provinciale dell’Agifar e consigliere nazionale uscente, è stato eletto segretario nazionale dei Giovani Farmacisti della Fenagifar. La sua nomina è il risultato dell’assemblea dei 7mila giovani farmacisti della Federazione, che ha scelto Levantino per guidare il nuovo vertice nazionale.

CanaleSicilia

Levantino è un farmacista territoriale di prossimità, ricercatore e docente per società scientifiche. Tra i suoi interessi ci sono la moderna farmacia europea, sostenibile e digitale, e la formazione delle nuove competenze dei farmacisti. La sua nomina come segretario nazionale della Fenagifar è stata accolta con grande entusiasmo dalla comunità dei farmacisti, che lo considera un esperto in grado di portare avanti progetti di modernizzazione e sviluppo della professione.

L’obiettivo principale di Levantino è quello di rendere sempre più performante e attrattiva per i giovani la professione del farmacista. Per raggiungere questo obiettivo, ha in mente nuovi modelli e progetti che integrino e sviluppino le competenze del farmacista verso la dimensione 4.0. Levantino vuole creare una farmacia moderna, clinica, europea, sostenibile e digitale, che promuova la conoscenza delle best practices dei diversi Paesi, con il fine di creare una sanità interconnessa che ponga sempre più il cittadino al centro.

Inoltre, dopo la fine del Covid, Levantino intende attivare nuovi sistemi di partecipazione per un maggiore coinvolgimento dei consigli provinciali nelle progettualità federali. L’obiettivo è far sì che ogni Agifar provinciale possa contribuire ai lavori della Federazione e riportare sul proprio territorio con entusiasmo le istanze nazionali.

Infine, la Federazione si impegnerà a realizzare nuovi progetti volti a migliorare l’educazione sanitaria del cittadino e a implementare la prevenzione e lo screening attraverso l’utilizzo dei test rapidi (Point of care), della telemedicina e dei nuovi servizi in farmacia. L’obiettivo è quello di prendere in carico il paziente lungo tutto l’iter di cura, monitorando la compliance, l’aderenza alla terapia e la sua efficacia, attraverso le analisi di prima istanza e l’utilizzo di questionari validati. In questo modo, la professione del farmacista diventerà sempre più centrale nel sistema sanitario italiano, offrendo servizi sempre più avanzati e personalizzati.

© Riproduzione riservata.

Leggi la Prima Pagina

Articoli correlati

Tasto back to top