Attualità

Formalizzate le candidature per le elezioni del Rettore a Messina

Elezioni Università di Messina

Le candidature per le prossime elezioni a rettore dell’Università degli Studi di Messina sono state ufficialmente formalizzate. Come previsto, sono emersi tre candidati che si contenderanno la carica a partire dal 23 novembre, con l’obiettivo di succedere a Salvatore Cuzzocrea, che ha dovuto abbandonare anticipatamente l’incarico a causa di un’inchiesta in corso riguardante i rimborsi per la Ricerca. L’ateneo si trova attualmente sotto l’ombra di questa indagine penale, ma negli prossimi mesi vedrà “gareggiare” i candidati fino all’ultimo voto utile. I tre contendenti sono l’ex prorettore Giovanni Moschella, il prorettore Giovanna Spatari e l’economista Michele Limosani.

Dopo aver completato tutti i necessari adempimenti burocratici e aver depositato i loro programmi elettorali presso gli uffici della Direzione Generale dell’Ateneo, la professoressa Giovanna Spatari, ordinaria di Medicina del Lavoro, ha dichiarato: “Mi impegnerò a promuovere la mia visione di Università, basata su decisioni condivise e partecipate, con una gestione inclusiva che tenga in considerazione le competenze dei docenti e la professionalità del personale tecnico-amministrativo, al fine di rispondere alle esigenze e alle aspirazioni degli studenti, sia nazionali che internazionali. Il mio obiettivo principale è creare un ambiente di lavoro sereno, privo di discriminazioni, ponendo al centro le persone.”

CanaleSicilia

D’altra parte, il candidato Michele Limosani ha scritto nella lettera che ha accompagnato il suo programma: “Negli ultimi anni abbiamo osservato atteggiamenti di supponenza e arroganza, e abbiamo ascoltato dichiarazioni in Senato che minimizzavano l’importanza delle analisi dei costi e dei benefici nell’allocazione delle risorse pubbliche. Abbiamo notato una mancanza di trasparenza nelle decisioni relative all’assegnazione delle posizioni concorsuali e ci siamo trovati imbarazzati davanti a dichiarazioni non sempre veritiere. Abbiamo anche rilevato l’indifferenza rispetto alle segnalazioni dell’Anac riguardo alle irregolarità e alle illegittimità nelle procedure di gara per l’assegnazione degli appalti. Tutti questi segnali indicano un approccio e una politica gestionale privi di confronto, destinati a condurre la comunità accademica in un vicolo cieco.”

Infine, il candidato Giovanni Moschella ha intitolato il suo programma “Un Ateneo che unisce nel rispetto e nel dialogo”. Nel suo programma si legge: “Ho deciso di candidarmi a ricoprire la carica di Rettore dell’Università degli Studi di Messina in risposta alle numerose e lusinghiere sollecitazioni provenienti da colleghi del personale docente e tecnico-amministrativo, nonché dagli studenti. Le loro parole riflettono valori a cui tengo profondamente: il rispetto rigoroso delle regole, la trasparenza nella gestione amministrativa, il rispetto della dignità altrui, il rifiuto del conflitto come metodo, e la ricerca di soluzioni mediate e ragionevoli, nonostante le diverse idee e opinioni. Questi valori, che hanno guidato la mia attività istituzionale come Preside della Facoltà di Economia, Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche e Giuridiche, e Prorettore Vicario dell’Ateneo, sono ancorati nei principi della Costituzione e nella legislazione vigente, oltre che nello Statuto dell’Università.”

© Riproduzione riservata.

Leggi la Prima Pagina

Articoli correlati

Tasto back to top