Cronaca

Urla e botte a Palermo: scontro tra clan per una giovane incinta

Polizia di Stato

Una rissa ha coinvolto due famiglie in una disputa culminata in violenza fisica. L’evento si è svolto nella zona di viale Lazio, all’interno di Villa Costa a Palermo, e ha richiesto l’intervento di sette squadre di polizia e un’ambulanza del 118.

Il motivo scatenante di questa sanguinosa contesa è emerso durante l’indagine: una giovane donna di 20 anni era incinta, e questa notizia ha suscitato forti reazioni all’interno delle due famiglie coinvolte. I genitori della giovane e del suo compagno non hanno approvato la relazione e il desiderio di vivere insieme della coppia, spingendoli a organizzare un incontro per cercare di chiarire la situazione.

CanaleSicilia

L’incontro, tuttavia, si è trasformato in una violenta rissa, con urla, minacce e aggressioni fisiche che hanno richiamato l’attenzione delle autorità. Gli agenti di polizia hanno impiegato del tempo per riportare la calma tra i due gruppi familiari coinvolti.

I due giovani innamorati, residenti nella periferia, avevano deciso di vivere insieme dopo aver scoperto la gravidanza. Questa decisione ha portato a un confronto traumatico tra le due famiglie. La situazione si è aggravata ulteriormente quando è emersa l’intenzione di organizzare una rapina, che ha portato a ferite gravi e alla condanna definitiva di alcuni membri delle famiglie coinvolte.

© Riproduzione riservata.

Leggi la Prima Pagina

Articoli correlati

Tasto back to top