Home Attualità Tony Cairoli, i problemi fisici e i dubbi: nel 2021 dovrebbe continuare a gareggiare

Tony Cairoli, i problemi fisici e i dubbi: nel 2021 dovrebbe continuare a gareggiare

456

Tony CairoliVolendo ben guardare il contratto, una delle leggende viventi del motocross, ovvero Tony Cairoli, sarà ancora ben presente al suo posto, con la KTM. E l’obiettivo, in fondo, sarà sempre lo stesso, ovvero provare a puntare al decimo titolo mondiale.

Anche gli amanti delle scommesse sportive sul mondo delle due ruote, sono assolutamente convinti che Tony Cairoli possa continuare a vincere. Ci sono tanti casino dal vivo che offrono la possibilità di divertirsi puntando in tempo reale sulle gare di motocross, offrendo delle quote estremamente vantaggiose, oltre che un palinsesto degno di nota, adatto anche ai più fervidi appassionati delle due ruote. Interessante notare la presenza di un gran numero di bonus appositamente dedicati proprio a chi ha intenzione di creare un conto di gioco per le scommesse sul mondo dello sport.

Il 2021 sarà l’ultimo anno?

Eppure, una recentissima intervista che è stata rilasciata dal pilota italiano non ha fatto altro che alimentare qualche dubbio a riguardo. L’obiettivo del decimo titolo iridato è sicuramente molto affascinante, eppure nell’ultimo comunicato stampa che ha riguardato il centauro siciliano, qualche dubbio sul fatto che possa andare avanti anche l’anno prossimo, in effetti, c’è.

Anche Tony Cairoli, purtroppo, l’età avanza ed è chiaro come la condizione fisica non possa essere rampante come quella dei suoi anni migliori. A 35 anni, infatti, il campione siciliano continua a cimentarsi nel campionato mondiale di motocross, ben sapendo che deve fare i conti con piloti che sono molto più giovani rispetto a lui.

Qualche esempio? Cairoli deve sfidare piloti come il nuovo campione del mondo Tim Gajser, che ha soli 24 anni, oppure Jeffrey Herlings, che di anni ne ha 26, oltre che il nuovo talento del panorama mondiale di questa disciplina, ovvero Jorge Prado, ancora più giovane, dato che ha solamente 19 anni.

Non a caso, una stagione estremamente difficile e concentrata come quella appena terminata, per colpa chiaramente del Coronavirus, con la necessità di disputare ben 16 Gran Premi nel giro di soli tre mesi, non fa altro che mettere a dura prova i piloti che, chiaramente, sono un po’ più avanti con l’età.

Per Tony Cairoli, in modo particolare, la sofferenza è arrivata dal ginocchio, che gli ha provocato qualche noia di troppo nel corso della stagione. Un pò di sfortuna, ma che non ha permesso mai a Cairoli di esprimersi al top della condizione fisica. Insomma, il passare degli anni si fa sentire e c’è chiaramente la legittima preoccupazione di non riuscire a essere più il pilota performante di un tempo.

Gli aspetti positivi che potrebbero spingere Cairoli a continuare.

Detto questo, bisogna anche mettere in evidenza come le problematiche al ginocchio non abbiano, però, tolto Cairoli dalla lotta per il titolo. Infatti, il centauro siciliano ha colto tre successi in questa stagione così particolare, trionfando a Pietramurata, Faenza e Kegums. Con il secondo posto nella classifica iridata che è stato perso solamente nel corso dell’ultima tappa del Mondiale.

D’altro canto, per Cairoli quella che si è appena conclusa è stata la stagione numero 17, di cui ben 14 sono state concluse sul podio, e addirittura 9 come leader iridato. Sempre nel corso di questa stagione è arrivata un’altra grande soddisfazione, ovvero quella di aver abbattuto anche il muro dei 10 mila punti conquistati in carriera, superando al contempo il tetto delle 500 partenze di manche.

Non ci sono più parole per definire questa vera e propria leggenda del motocross. Anzi, l’unico auspicio per uno dei più importanti centauri italiani di sempre, è che possa e sappia trovare dentro di sé le motivazioni e gli stimoli per ripartire all’attacco del decimo titolo iridato, che sarebbe davvero la ciliegina sulla torta di una carriera memorabile e che resterà impressa per sempre nella storia.

Tony Cairoli, i problemi fisici e i dubbi: nel 2021 dovrebbe continuare a gareggiare ultima modifica: 2020-11-16T11:00:00+01:00 da CanaleSicilia