Home Manifestazioni Si scrive a Gioiosa Marea, nello scenario incantevole dell’Arena Canapè la prima pagina delle Kinderiadi 2015

Si scrive a Gioiosa Marea, nello scenario incantevole dell’Arena Canapè la prima pagina delle Kinderiadi 2015

2,251

Si scrive a Gioiosa Marea, nello scenario incantevole dell’Arena Canapè di fronte alle Isole Eolie, la prima pagina delle Kinderiadi 2015.

Qui, ieri sera, si è tenuta la presentazione dell’evento giovanile principe del volley nazionale. Migliaia di persone coinvolte tra atleti, staff  tecnici, dirigenti e semplici appassionati di uno sport che può rigenerarsi anche attraverso appuntamenti di questo calibro. Quasi 700 atleti hanno sfilato dietro i rispettivi porta bandiere in rappresentanza delle 21 delegazioni provenienti da tutto lo stivale.

Le interviste – Servizio di Cristina Miragliotta

 

La cerimonia e la posa della mattonella nella Walk of fame

 

In volo con il drone

Dopo il saluto degli organi federali, tra cui quello del vicepresidente nazionale della Fipav, Bruno Cattaneo, del presidente della Fipav Sicilia Vincenzo Falzone, del presidente Fipav Messina Antonio Lotronto, del presidente del Coni Sicilia Sergio D’Antoni e del direttore generale dell’Agenzia Nazionale dei Giovani, Giacomo D’Arrigo, sale sul palco Andrea Lucchetta, e ruba subito la scena. Il suo saluto è accompagnato da un tripudio: molti tra i ragazzi presenti sognano di ripercorrere la sua carriera. Il suo messaggio è chiaro: per capire l’essenza di questo sport, il Trofeo delle Regioni è una tappa necessaria. A fare gli onori di casa il sindaco di Gioiosa Marea, Eduardo Spinella. Saluti di rito, poi il passaggio obbligato sull’importanza dello sport come viatico per la promozione del territorio.

Parole che sono il preludio della consegna delle “mattonelle” che arricchiranno la “Walk of Fame” di Gioiosa Marea ad Andrea Lucchetta e Valerio Vermiglio, altro ospite d’eccezione che non poteva mancare alla prima puntata delle Kinderiadi in salsa siciliana. Applausi a scena aperta, poi il video che ripercorre tratti della carriera del più importante pallavolista messinese degli ultimi 20 anni. Le parole dell’ex capitano della nazionale tradiscono emozione. La possibilità di essere testimonial d’eccezione della rassegna, a suo dire, “è un dono di Dio”. Vermiglio guarda la platea e viaggia all’indietro. Lui, che questo trofeo l’ha vissuto sul campo due volte, prima con la rappresentativa siciliana e poi con quella veneta. Arriva il momento dei sindaci degli altri sei comuni coinvolti (Barcellona P.G., Tortorici, Torrenova, Brolo, Montagnareale e Patti), uomini e donne che con il loro impegno hanno reso possibile l’organizzazione di questo evento. Saluti e ringraziamenti ai deputati regionali che si sono spesi in prima persona per la riuscita della kermesse, ultime parole prima dello spettacolo pirotecnico a corredo di una splendida serata. Sorrisi, emozioni e coesione. Sguardi di intesa, per quelli di sfida ci saranno cinque giorni di tempo. A partire da oggi, quando a parlare sarà il campo.

E proprio stamane prendono il via in sette campi le Kinderiadi della costa tirrenica messinese con le 42 rappresentative che si sfideranno nella prima giornata di gare, dopo essere state suddivise in sette gironi (vedi calendario campi gare) in base al ranking nazionale stabilito dai piazzamenti ottenuti dalle regioni negli ultimi tre anni.

La Sicilia nel maschile ha conquistato nell’ultimo triennio due decimi posti ed un quinto piazzamento nel 2013 che gli consente di occupare la nona piazza e di far parte del raggruppamento G (campo 6 Barcellona “Aia Scarpaci”) con Abruzzo e Sardegna. I ragazzi siciliani, guidati da Giuseppe Gennaro, hanno quindi la possibilità di superare il turno trovandosi di fronte ad un avversario di pari forze come l’Abruzzo (testa di serie numero 6) che nelle ultime edizioni ha sempre centrato la “top ten”, raggiungendo nel 2012 il miglior piazzamento con il 6 posto assoluto.

PiĂš abbordabile appare invece il confronto che sempre stamane vedrĂ  i padroni di casa ospitare la Sardegna classificatasi lo scorso anno al 15 posto e comunque rappresentativa in ascesa avendo migliorato il 17. posto del 2012.

Sempre difficile comunque fare raffronti quando si tratta di formazioni giovanili, che di anno in anno presentano margini di miglioramento che possono cambiare i base alla data di nascita al quale si fa riferimento per selezionare gli atleti. In particolare nel maschile possono giocare le rappresentative i cui anni d’età sono il 1999 e seguenti, quindi ragazzi che sono già stati protagonisti tra gli under 17 con rete alta a 2,35 e dal punto di vista tecnico con la possibilità per i selezionatori di inserire anche il secondo libero.

Più basso invece il limite d’età nel femminile dove a scendere in campo saranno atlete con anno di nascita dal 2000 in poi (uso del libero e rete a 2,24).

Tra le ragazze la Sicilia si presenta con un ranking che risente del 17.posto del 2013, che ha vanificato il 9.piazzamento del 2012 mentre nel 2014 si è assistito ad una risalita con l’11. posto che si spera quest’anno di migliorare ulteriormente puntando ad entrare almeno nella lista delle  prime dieci formazioni. Le ragazze messe in campo dal siracusano Maurizio Garozzo partono quindi dal 13 posto e sono state inserite nel girone B, che si disputerà oggi pomeriggio nel campo 2 al “PalaTorre” di Torrenova, con Piemonte e Molise. Due avversarie, in base al ranking, diametralmente opposte visto che il Piemonte è una regione in ascesa, che proprio lo scorso anno ha conquistato il titolo nel femminile e si presenta come testa di serie n. 2 avendo ottenuto nel 2012 e nel 2013 un 3. ed un 4. posto. Per il “piccolo” Molise, invece, penultima posizione nella classifica di riferimento ma anche questo dato potrebbe risultare poco significativo vista la giovane età delle contendenti.

Alla fine a vincere saranno comunque i valori di fratellanza e lealtà che animano questo genere di manifestazione dove, ad un sano agonismo al quale si assisterà nel corso delle gare, farà da contraltare quello che in altri sport è il “terzo tempo” ovvero il momento in cui ci si trova accomunati da un unico denominatore, che è la condivisone di una passione comune.

In questo senso, dopo la pirotecnica serata inaugurale tutte le rappresentative si ritroveranno insieme a cena nei luoghi piĂš emblematici della costa tirrenica messinese: da Montagnareale, che questa sera ospiterĂ  le 42 squadre con degustazione a base di specialitĂ  tipiche siciliane, alle Isole eolie, con escursione a Vulcano (piscina di Venere, Grotta del Cavallo, spiaggia dell’Asino) e Lipari con Cena di gala, quindi Tortorici con visita guidata dell’ antico borgo medioevale tra le caratteristiche ”vaneddi”, visita della fonderia delle campane, visita al Museo Etno-Fotografico Franchina-Letizia e percorso eno-gastronomico con la presentazione di prodotti tipici locali quindi escursione ai laghi Trearie e Pisciotto immersi nel Parco dei Nebrodi, infine venerdĂŹ “festa del mare” in spiaggia presso il Villaggio Valtur di Capo CalavĂ .

Marted’ 30 giugno prima fase: 42 gare suddivise in 7 campi

Campo 1 – Patti – Palasport – (capienza 3000 posti)
Mattina (F): Basilicata – Lombardia – Umbria
Pomeriggio (M): Lombardia – Umbria – Valle d’Aosta

Campo 2 – Torrenova – “PalaTorre” – (capienza 800 posti)
Mattina (F): Molise – Piemonte –Sicilia
Pomeriggio (M): Liguria – Marche – Molise

Campo 3 – Tortorici – “PalaOrice” Edera Cordiale Gentile – (capienza 500 posti)
Mattina (F): Lazio – Liguria – Valle d’Aosta
Pomeriggio (M): Basilicata – Calabria – Veneto

Campo 4 – Montagnareale – “Palasport” – (capienza 500 posti)
Mattina (F): Sardegna – Trentino – Veneto
Pomeriggio (M): Alto Adige – Friuli Venezia Giulia – Piemonte

Campo 5 – Barcellona – “Pala Alberti” (capienza 2900 posti)
Mattina (F): Calabria – Campania – Toscana
Pomeriggio (M): Campania – Lazio – Trentino

Campo 6 – Barcellona – “Pala Aia Scarpaci” (700 posti)
Mattina (F): Alto Adige – Emilia Romagna – Friuli Venezia Giulia
Pomeriggio (M): Abruzzo – Sardegna – Sicilia

Campo 7 – Brolo – “Palasport” (capienza 500 posti)
Mattina (F): Abruzzo – Marche – Puglia
Pomeriggio (M): Emilia Romagna – Puglia – Toscana

Seconda fase Giorno 1 e 2 luglio i campi diventano 4 (n.1-2-3-4) quindi 4 gironi per le prime 16 squadre maschili e 4 gironi per le prime 16 femminili qualificate; mentre sui campi 5 e 6 due gironi consolatori per le squadre eliminate per determinare la classifica dal 17. al 21.posto

Terza fase VenerdĂŹ 3 luglio le semifinali e Sabato 4 luglio le due finali a Patti.

Ufficio Stampa
Fipav Messina

Si scrive a Gioiosa Marea, nello scenario incantevole dell’Arena Canapè la prima pagina delle Kinderiadi 2015 ultima modifica: 2015-06-30T13:34:20+02:00 da CanaleSicilia