Home Politica Piraino – Albergo diffuso… non una sommatoria di case

Piraino – Albergo diffuso… non una sommatoria di case

1,852

Albergo Diffuso (Immagine esemplificativa)di Maria Cristina Miragliotta – Modificare il regolamento vigente sull’albergo diffuso. Questa la richiesta inviata all’assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo, da parte del Comune di Piraino, tra i promotori dell’iniziativa, insieme agli altri Enti firmatari e che mira al coinvolgimento e all’apporto del prof. Giancarlo Dall’Ara, ideatore dell’Albergo Diffuso, affinchè il regolamento sia conseguenziale alla legge e possa quindi rispecchiare i principi ispiratori della L.R. 11/2013 “Norme per il riconoscimento dell’albergo diffuso in Sicilia”.

La legge regionale n. 11 del 02 agosto 2013 – si legge nel documento – “intende in particolare: destagionalizzare e arricchire l’offerta turistica, ridurre il consumo del territorio, recuperare il patrimonio edilizio del Centri Storici e dei borghi, e incentivarne l’economia, evitare lo spopolamento dei piccoli comuni lontani dai circuiti turistici tradizionali, offrire nuovo slancio produttivo alle antiche maestranze e opportunità occupazionali. Di contro, il regolamento di esecuzione intende attribuire alla tipologia ricettiva di “Albergo diffuso” la classificazione prevista per affittacamere o case/appartementi per vacanze…

Tale “analogia” di classificazione non appare, a chi scrive, sufficiente né adeguata per indicare strutture di pregio ambientale situate nei centri Storici e nei borghi, non è “distintiva” rispetto alle peculiarità intrinseche che la Legge si impone per costituire il volano della rinascita socio-economica e antropica di Enti di piccole e medie dimensioni, di Centri Storici e Borghi: si rischia di ridurre il modello di “albergo diffuso” ad una semplice sommatoria di case e appartementi, pur senza considerarne il fatto che la legge ne prevede la gestione unitaria, professionale, l’offerta di servizi turistici, quali quelli alberghieri e di assistenza ai fruitori.”

Un regolamento, quindi, in cui sarebbero evidenti criticità, che non consentirebbero l’applicazione e l’attuazione della Legge coerentemente con i suoi principi ispiratori, snaturando e vanificando di fatto i risultati auspicati.

I sottoscrittori della richiesta aggiungono che “lo stesso prof. Dall’Ara ha conferito la propria disponibilità a collaborare nel ri-esame delle norme regolamentari al fine di proporre le modifiche necessarie per rendere tali norme più attinenti ai principi ispiratori della L.R. 11/2013, con l’obiettivo di migliorare l’individuazione dei “segni distintivi” del modello ricettivo di Albergo Diffuso”.

[ – Leggi il documento – ]

Piraino – Albergo diffuso… non una sommatoria di case ultima modifica: 2016-07-21T22:30:15+02:00 da CanaleSicilia