Home Politica Patti – Bando compostaggio, l’interrogazione dell’opposizione

Patti – Bando compostaggio, l’interrogazione dell’opposizione

411

Patti

Se fosse vero che, come sembrerebbe dagli atti, il Comune di Patti non ha partecipato all’Avviso pubblico del Dipartimento dell’Acqua e Rifiuti dell’Assessorato Regionale all’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità con scadenza 18 gennaio 2022, si sarebbe persa una importante occasione di abbattimento dei costi di conferimento dei rifiuti organici, quantificabile in circa 50.000 euro all’anno.

Paradossale che ciò sia avvenuto proprio mentre l’Amministrazione Comunale ha dovuto aumentare sensibilmente, nello scorso mese di Aprile, le tariffe TARI in capo ai cittadini e mentre dice di essere impegnata nella ricerca di soluzioni per il contenimento dei costi del servizio.

Ancora più paradossale è la circostanza che l’Ente disponeva già di ben tre progetti esecutivi, regolarmente inseriti nel piano triennale dei lavori pubblici, per la realizzazione di altrettanti impianti di Compostaggio di Comunità per una capacità complessiva di circa 210 tonnellate annue. Sarebbe bastato aggiornare quei progetti e partecipare all’Avviso…

Pazienza…attendiamo risposta e, soprattutto, le tanto decantate soluzioni concrete per abbattere i costi e ridurre le tariffe, ribadendo la massima disponibilità a fornire il nostro contributo…come peraltro già fatto quando avevamo segnalato la pubblicazione dell’Avviso.

Interrogazione

I sottoscritti Consiglieri Comunali, premesso che alla luce dello stato di conclamata crisi del sistema del ciclo integrato dei rifiuti nella Regione Siciliana, i costi a carico dei Comuni per il conferimento e lo smaltimento dei RSU sono notevolmente aumentati;

che tale aumento di costi si è inevitabilmente tradotto in un esponenziale aumento delle tariffe della TARI a carico dei cittadini, chiamati a sempre maggiori esborsi per fruire di un servizio essenziale qual è quello del ritiro dei rifiuti;

che anche nel nostro Comune il Consiglio Comunale nello scorso mese di Aprile ha previsto, su proposta dell’Amministrazione Comunale, un aumento medio della tariffa oscillante tra il 30 ed il 40% rispetto a quella dell’anno precedente;

che al fine di contenere tali continui ed ormai difficilmente sostenibili aumenti i Comuni hanno il dovere di ricercare tutte le soluzioni possibili finalizzate al contenimento dei costi del servizio ed, in particolare, di quelli di conferimento;

che con DDG n. 1201 del 19/10/2021, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 51 del 19/11/2021 (S.O. n. 2 parte I), il Dipartimento dell’Acqua e Rifiuti dell’Assessorato Regionale dell’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità approvava il Nuovo Avviso pubblico per la concessione di agevolazioni in favore di Comuni, anche nelle forme associative regolarmente costituite (Ambiti di Raccolta Ottimali), per il sostegno alle attività di compostaggio di prossimità dei rifiuti organici relativo all’Azione 6.1.1 “Realizzare le azioni previste nei piani di prevenzione e promuovere la diffusione di pratiche di compostaggio domestico e di comunità” del PO FESR 2014-2020 e contestualmente disponeva la prenotazione di impegno della somma complessiva di € 12.939.172,69 sul capitolo di spesa n. 642456;

che con il citato Avviso, la cui scadenza era fissata per il 18.1.2022, i Comuni Siciliani venivano invitati, tra l’altro, a presentare proposte progettuali per la realizzazione di iniziative ed impianti di c.d. “Compostaggio Domestico e di Comunità”;

che la concretizzazione di tali iniziative e la realizzazione di tali impianti produrrebbe una diminuzione delle quantità di rifiuti organici normalmente avviati e conferiti, con oneri economici assai consistenti, presso piattaforme private e si tradurrebbe, conseguentemente, in un’apprezzabile riduzione dei costi complessivi di conferimento, con le ovvie positive ricadute per i cittadini in termini di riduzione della tariffa TARI;

che con DDG n. 490 del 14.6.2022 il Dipartimento dell’Acqua e Rifiuti dell’Assessorato Regionale dell’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità ha approvato gli Elenchi delle “Istanze non ricevibili/non ammissibili”, di cui all’Allegato “A”, e delle “Istanze ammissibili”, di cui all’Allegato “B”;

che con il superiore DDG sono stati ammessi a valutazione i progetti di diversi Comuni viciniori, potenzialmente destinatari di consistenti finanziamenti per la realizzazione di progetti per il potenziamento e la diffusione di pratiche di compostaggio domestico e di comunità, con i conseguenti positivi riflessi sui costi del servizio di igiene urbana;

che, al contrario, il Comune di Patti non compare in alcuno dei predetti elenchi, cosicché è lecito ritenere che lo stesso non abbia partecipato all’Avviso di cui sopra;

che il Comune di Patti è dotato di n. 3 progetti di livello esecutivo, regolarmente inseriti nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche, per la realizzazione di altrettanti impianti di Compostaggio di Comunità della capacità di circa 70 tonnellate annue cadauno, localizzati in tre distinte aree la cui disponibilità da parte dei privati era già stata formalmente acquisita dall’Ente;

che la partecipazione al citato Avviso era pertanto possibile ed, anzi, anche alquanto semplice stante la disponibilità della necessaria progettualità;

che la realizzazione di tali tre impianti determinerebbe una apprezzabile riduzione delle quantità di rifiuti organici da conferire presso piattaforme autorizzate e, conseguentemente, un consistente risparmio sui costi, atteso che, attualmente, il costo complessivo di conferimento e trasporto di tale tipologia di rifiuto si aggira intorno ai 225 euro/tonnellata;

Premesso quanto sopra, i sottoscritti Consiglieri Comunali, interrogano il sindaco e l’assessore all’igiene urbana per sapere:

  • Se il Comune di Patti ha o meno partecipato all’Avviso di cui al DDG n. 1201 del 19/10/2021, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 51 del 19/11/2021, del Dipartimento dell’Acqua e Rifiuti dell’Assessorato Regionale dell’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità;
  • In caso di risposta negativa, quali sono state le ragioni che hanno indotto l’Ente a non partecipare al citato Avviso;
  • Quali azioni l’Amministrazione intende concretamente porre in essere per contenere i costi di conferimento dei rifiuti e, conseguentemente, ridurre la tariffa del servizio a carico dei cittadini già a partire dal corrente anno.

 

I consigliere comunali
Giuseppe Mauro Aquino, Alessia Bonanno, Giorgio Cangemi, Antonina Costanzo, Maria Pollicita

Patti – Bando compostaggio, l’interrogazione dell’opposizione ultima modifica: 2022-07-06T10:16:06+02:00 da CanaleSicilia