Home Politica Laccoto: “Recuperare fondi per il completamento del raddoppio ferroviario Patti-Castelbuono”

Laccoto: “Recuperare fondi per il completamento del raddoppio ferroviario Patti-Castelbuono”

835

Incontro a Brolo con Giuseppe Laccoto - Fabrizio Micari - Davide Faraone

“Non si perda l’occasione per il completamento del raddoppio ferroviario Patti-Castelbuono”.

“Il completamento del raddoppio ferroviario nella tratta Patti Castelbuono deve rappresentare una priorità e non finire del dimenticatoio. L’alta velocità programmata nel tragitto Palermo-Catania-Messina deve far fronte a numerose complessità ed è quindi necessario concentrare risorse ed energie su quel tratto di 80 chilometri tra Messina e Palermo che attraversa un territorio dalle straordinarie potenzialità turistiche”.

Lo dichiara l’on. Giuseppe Laccoto che ricorda di aver presentato in questi anni interrogazioni parlamentari e mozioni chiedendo di sfruttare i fondi europei per realizzare il completamento del raddoppio ferroviario nella tratta Patti-Castelbuono. “Se si fosse approvata la mozione che ho presentato l’1 ottobre 2021 – afferma l’on. Laccoto – probabilmente a quest’ora avremmo compiuto qualche passo avanti nella definizione dello studio di fattibilità e del progetto esecutivo di completamento.

Eppure, dei 20 miliardi di euro destinati alla Sicilia dal piano industriale 2022-2031 del Gruppo Ferrovie dello Stato, la tratta Palermo Messina non è stata nemmeno presa in considerazione. I margini ci sono ancora, se il governo regionale muovesse passi decisi avviando interlocuzioni ai massimi livelli con i ministeri competenti e con le Ferrovie dello Stato. Il completamento del raddoppio ferroviario tra Patti e Castelbuono costituirebbe una svolta dal punto di vista economico e turistico per una parte di territorio che, a fronte di potenzialità notevoli di sviluppo, paga ritardi infrastrutturali e di collegamento ormai cronici”.

Laccoto: “Recuperare fondi per il completamento del raddoppio ferroviario Patti-Castelbuono” ultima modifica: 2022-07-09T18:52:37+02:00 da CanaleSicilia