Home Politica Laccoto chiede di accelerare procedure per la stabilizzazione di medici e infermieri

Laccoto chiede di accelerare procedure per la stabilizzazione di medici e infermieri

503

Giuseppe Laccoto

Laccoto: “L’Asp di Messina acceleri le procedure per stabilizzare medici e operatori sanitari in servizio da almeno 18 mesi e dia una risposta alla grave carenza di personale negli ospedali”

“L’Assessore Regionale alla Salute dia il necessario impulso all’Asp di Messina perché acceleri le procedure per la stabilizzazione del personale medico e gli operatori socio-sanitari che, alla data del 31 dicembre 2022, siano in servizio da almeno 18 mesi, così come consente la normativa”. E’ la richiesta avanzata dal deputato regionale Giuseppe Laccoto in una interrogazione parlamentare che prende le mosse dalla legge n.234 del 2021 che prevede appunto la procedura di stabilizzazione per il personale che abbia prestato servizio durante l’emergenza Covid, al fine di rafforzare la struttura del servizio sanitario.

“Ho più volte evidenziato le numerose carenze di organico, sia di medici che di infermieri, nei diversi ospedali della provincia di Messina che inevitabilmente provocano disservizi e disagi per gli utenti. Ci sono reparti chiusi o che lavorano a regime ridotto, pronto soccorso sguarniti. Tutto – afferma ancora l’on. Laccoto – ricade sui pazienti costretti ad attese interminabili, molto spesso senza certezze né di ricoveri né di prestazioni. Adesso ci sono le condizioni per rispondere almeno in parte alle criticità che emergono quotidianamente nell’offerta delle prestazioni sanitarie. Chiedo, quindi, all’Assessore Razza di intervenire presso l’Asp di Messina perché acceleri le procedure di stabilizzazione impedendo così la fuga di medici e operatori sanitari fuori dalla Provincia di Messina o dalla Sicilia e dando riscontro alla necessità di gestire al meglio ricoveri e urgenze”.

Laccoto chiede di accelerare procedure per la stabilizzazione di medici e infermieri ultima modifica: 2022-07-29T20:00:27+02:00 da CanaleSicilia