Home Attualità La Giornata della Memoria: ricordare per prevenire

La Giornata della Memoria: ricordare per prevenire

256

Giornata Memoria Shoa

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in occasione della giornata commemorativa per le vittime dell’Olocausto, intende fare una profonda riflessione per mantenere vivo il ricordo dello sterminio di 6 milioni di ebrei e di tutte le vittime delle persecuzioni e dell’odio nazifascista. La giornata celebrativa è stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2005 con l’obiettivo di ricordare al mondo, con cadenza annuale, le vittime dell’Olocausto. Il nostro Paese, già nel 2000, cinque anni prima della Risoluzione ONU, con la legge 211 del 20 luglio istituì il Giorno della Memoria con il chiaro intento di ricordare la Shoah, ma anche le leggi razziali approvate sotto il regime fascista, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, la deportazione, la prigionia, la morte.

La Giornata della Memoria ci spinge certamente a interrogarci non solo sulle responsabilità di chi ha compiuto tutte le atrocità che la storia ci consegna, ma anche su quelle di chi con il silenzio complice le ha, in qualche modo, favorite perché è rimasto indifferente, perché non ha voluto vedere, perché toccava agli altri. E agli altri, agli ebrei, toccò l’odio ingiustificato, la legislazione antisemita, la segregazione razziale, la deportazione nei campi di concentramento e lo sterminio finale. Agli altri ancora, alle “sottorazze”, ai “subumani”, ai “popoli inferiori”, agli “asociali”, ai “difettosi”, ai testimoni di Geova, ai disabili fisici e psichici, agli omosessuali, agli avversari politici veri o presunti, agli oppositori politici, alle donne ”non conformi” toccò una simile sorte fatta di disprezzo, ghettizzazione, lager, violenza indicibile, morte. Tutto questo accadde nel ’900, che per la Storia è l’altro ieri. E accadde sotto agli occhi di un’Europa attraversata da tempo ormai da sentimenti razzisti e antisemiti. Accadde anche e soprattutto con la complicità della Scienza, del Diritto, dell’Istruzione, della società civile.

È importante che continuiamo a ricordare questi tragici eventi della storia perché ci aiutano a capire come l’odio razziale e l’intolleranza possono portare a conseguenze terribili. La Giornata della Memoria è una occasione per riflettere su come possiamo fare di più per prevenire questo tipo di odio e di discriminazione in futuro.

Inoltre, è importante non dimenticare che ancora oggi ci sono gruppi e individui che sono vittime di questo tipo di odio e di discriminazione. La Giornata della Memoria è un momento per ricordare loro e per impegnarsi a fare di più per proteggere i diritti umani e la dignità di tutte le persone.

In conclusione, la Giornata della Memoria è un importante momento per ricordare le vittime dell’Olocausto e di tutte le persecuzioni e dell’odio nazifascista, ma anche per riflettere su come possiamo fare di più per prevenire questo tipo di odio e di discriminazione in futuro. Il ricordo è il primo passo per evitare che simili tragedie possano ripetersi.

La Giornata della Memoria: ricordare per prevenire ultima modifica: 2023-01-23T00:17:57+01:00 da CanaleSicilia