Home Manifestazioni Interruzione di gravidanza – In Sicilia l’87% dei ginecologi è obiettore di coscienza

Interruzione di gravidanza – In Sicilia l’87% dei ginecologi è obiettore di coscienza

2,655

Interruzione Di GravidanzaIn Sicilia l’87 per cento dei ginecologi è obiettore di coscienza e sono solo 33, in tutta la regione, le strutture che praticano l’interruzione di gravidanza. Con il risultato che per una donna siciliana che non può portare avanti la gravidanza, abortire diventa praticamente impossibile. A quarant’anni dall’approvazione della legge 194, si torna a fare ricorso alle mammane e crescono esponenzialmente gli aborti clandestini.

La situazione in Sicilia verrà analizzata domani durante l’incontro “La 194 è donna. Interruzione volontaria di gravidanza: facciamo il punto”, che si svolgerà alle 16,30 alle Ex scuderie di Palazzo Cefalà, in via Alloro 99 a Palermo. L’evento è organizzato dalle Donne della sinistra palermitana, che comprende esponenti di Sinistra ecologia e libertà, Rifondazione comunista, Futuro a sinistra, L’Altra Europa, Radicali e associazione Extra.

Interverranno l’on. di Sinistra Italiana Marisa Nicchi, membro della commissione Sanità alla Camera, e il dott. Roberto Ardizzone, responsabile del servizio Ivg dell’ospedale di Petralia Sottana. Modererà l’incontro Daniela Carella.

Interruzione di gravidanza – In Sicilia l’87% dei ginecologi è obiettore di coscienza ultima modifica: 2015-11-19T12:42:30+01:00 da CanaleSicilia