Home Attualità Hai un terreno incolto e vuoi che produca guadagno? La Green Economy ti da un’opportunità.

Hai un terreno incolto e vuoi che produca guadagno? La Green Economy ti da un’opportunità.

5,756

Hai un terreno incolto e vuoi che produca guadagno?
La Green Economy ti da un’opportunità.

Green Economy - Energia SolareUltimamente non é raro trovare pubblicità, fra le pagine di quotidiani nazionali, di aziende che offrono contratti di acquisto o vendita del diritto di superficie purché i terreni abbiano una certa superficie, siano pianeggianti o lievemente inclinati a Sud, in assenza di costruzioni o ombreggiamenti, irrigui, preferibilmente nelle vicinanze di cabine MT o AT. Obiettivo di alcune di queste aziende é realizzare una rete di impianti ad energia solare soprattutto termodinamica attraverso investitori e partner finanziari interessati a condividere e partecipare ad un programma di crescita di green energy.

Il sole rappresenta la più grande fonte inesauribile di energia a costo zero che oggi può essere sfruttata da tutti e l’autonomia energetica é fattibile grazie agli impianti ad energia alternativa grazie ai quali é possibile rendersi autonomi nell’approvvigionamento energetico.

In questi ultimi anni stiamo assistendo ad un vero e proprio boom di aziende e professionalità occupantisi di fonti di energia alternative. Tutto nel pieno rispetto dell’ambiente grazie all’utilizzo di tecnologie e processi eco-compatibili. Si evince che la tecnologia del Solare Termodinamico, rappresenta una delle più promettenti per la generazione di energia elettrica su larga scala.

Ritornando all’opportunità per i proprietari di terreni di poter guadagnare da essi la figura del consulente energetico viene in aiuto. Essa si occupa prettamente di proporre soluzioni di efficienza energetica alle famiglie e alle aziende,soprattutto per il fotovoltaico ed il solare termico maggiormente nelle zone meridionali della Penisola. Questi contattano chi possiede dei terreni che desiderano affittare per il fotovoltaico. Sui prezzi il mercato non è ben definito per quanto riguarda la locazione di terreni per il FV.

Ci sono Aziende che offrono 2000/3000 euro all’ettaro per 1 anno,altre 4000/5000 euro all’ettaro,
altre ancora (e sono poche) anche 10000 euro per ettaro!

Protopower

Una cosa appare certa, questo tipo di mercato a detta degli esperti si saturerà presto al massimo 10 anni non appena raggiunta diciamo la soglia dei MW o non appena si cominceranno ad emanare decreti per fermare l’installazione a terra. Da questo punto di vista incideranno le diverse correnti di pensiero: c’é chi é concettualmente contro l’installazione del fotovoltaico su terra, c’é chi preferisce quello integrato alle serre o sui tetti.

In ogni caso per concludere il futuro del nostro pianeta passa per un futuro sostenibile e conseguentemente passa da noi, dalla visione che noi abbiamo di un mondo pulito da consegnare ai nostri figli.

Di seguito intendiamo riportare la risposta di un tecnico ad una domanda sulla questione. A voi lasciamo le considerazioni del caso.

“Abbiamo molti ottimi strumenti operativi ed il bello del FV è che è (quasi) tutto (pressochè) esattamente prevedibile e calcolabile (a differenza dell’eolico per esempio senza fare lunghe rilevazioni preventive). Allora 1 Mw a terra produce annualmente dal Gwh (Ferrara e Padania) all’1,5 Gwh (Sicilia Sud orientale) passando per gli 1,3 Gwh dell’Italia Centrale (abbiamo il PVGIS che è molto attendibile e semmai arrotonda qualcosina per difetto). Non sottovalutate L’Alto Adige in molte alte valli si raggiungono i livelli dell’Italia centrale, assai meglio che in Padania (ma ovviamente non trovi il posto peri il MW).

Il Kwh in questi casi (grande impianto a terra) “vale” ca. 45 cents (35 c dal GSE e ca. 10 per la vendita) pertanto possiamo dire che tale impianto “rende” (cash flow lordo) dai 450.000 ai 670.000 Euro l’anno (dipende ovviamente dove lo piazzi). Il costo di una simile centrale “chiavi in mano” si dovrebbe aggirare intorno ai 4/4,5 milioni. Pertanto togliendo un 50.000 per la manutenzione (un guardiano che mi controlla e sorveglia l’impianto e mi toglie le erbacce ce lo metterei proprio in una centrale simile da 1 MW e qualcosina che si sfascia poi non manca mai) vado sempre a beccarmi un 10/12% di rendimento annui. Se non ho un terreno lo affitto (2 ettari a 4/5.000 annui fanno 8/10.000 per l’affitto. 2K/ha mi sembrano un po’ pochi ma 10K/ha sono decisamente utopici). Per cui l’affitto è abbastanza trascurabile. Importanti e rilevanti sono i costi finanziari. Oggi c’è il tasso base vantaggiosissimo, ma abbiamo il “caro spread” e quindi le ladre di banche ti danno i soldi (SE te li danno) ancora al 5% o giù di lì. Ti rimane comunque ancora un dignitosissimo 5% (con i tempi che corrono NON è affatto da buttar via). Se poi hai i soldi (ma chi ce li ha?) ed il terreno allora hai fatto bingo. Ti tieni tutti i soldi (verificare il regime fiscale) e oltre che risparmiare quel poco d’affitto puoi tenerti l’impianto fino ai 25/30 anni utili ricavando comunque ancora qualcosa e se dopo tu (o i tuoi figli o nipoti) vorrai ancora continuare a fare fotovoltaico avrai un’impianto già impostato (perlomeno cabine elettriche, supporti opere civili e recinzioni) basterà sostituire i pannelli (che ci augureremo a basso costo e altissimo rendimento per l’epoca, ampiamente entro la “grid parity”). E’ ipotizzabile che resterà “l’autorizzazione” (visto che già c’era prima) per il campo FV, mentre sarà -presumo- impossibile realizzarne di nuovi poichè entro 5/6 anni da ora credo anch’io che non faranno più fare impianti a terra.”

Servizio di Daniela Musarra

 

Hai un terreno incolto e vuoi che produca guadagno? La Green Economy ti da un’opportunità. ultima modifica: 2012-08-31T17:48:43+02:00 da CanaleSicilia