Home Politica Gioiosa Marea – Il Consigliere Rosy Di Nardo : “Mancato accesso ed estrazione, ennesima, di Atti e Corrispondenza”

Gioiosa Marea – Il Consigliere Rosy Di Nardo : “Mancato accesso ed estrazione, ennesima, di Atti e Corrispondenza”

903

Consigliere Rosy Di Nardo Comune di Gioiosa Marea

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la comunicazione del Consigliere Rosy Di Nardo


Al Sig.

SINDACO

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

SEGRETARIO COMUNALE

RESP. SETTORE AMMINISTRATIVO

RESP. UFFICIO DI SEGRETERIA

RESP. UFFICIO TECNICO

 

E per conoscenza

GIUNTA MUNICIPALE

CONSIGLIERI COMUNALI

 

Oggetto: Mancato accesso ed estrazione, ennesima, di Atti e Corrispondenza.

La sottoscritta Consigliere Comunale Di Nardo Maria Rosa A., nell’espletamento del proprio mandato, evidenzia che nel Consiglio Comunale all’Ordine di ieri sono stati predisposti i 6 punti richiesti dalla stessa, puntualmente inseriti dal Presidente del Consiglio, dove si esigeva che le copie degli Atti e Corrispondenza richieste all’Ente venissero consegnate direttamente proprio nell’adunanza del Consiglio Comunale, in modo tale che l’Amministrazione potesse compiere l’incombenza davanti ai cittadini.

Tale adempimento è stato, come prevedibile, disatteso dall’Amministrazione Comunale di Gioiosa Marea nonostante da luglio 2013 ad oggi la sottoscritta abbia richiesto invano tali Atti Pubblici.

Con l’occasione si evidenzia un’affermazione del Sindaco che durante il Consiglio Comunale del 26/11/2013 mi ha lasciato perplessa: l’Amministrazione e’ stata definita Terza rispetto agli uffici.

Ricordo che tutti gli Atti Pubblici, corrispondenza compresa, vengono rilasciati alla sottoscritta dopo che è stato apposto, dall’ufficio di Segreteria, timbro e data di consegna. Una copia, per ricevuta, resta in Segreteria e una copia, ufficiale, viene consegnata al Consigliere. Gli atti di cui la sottoscritta è in possesso oppure no sono facilmente individuabili.

Inoltre, stanca di non riuscire a risolvere la problematica, più di due mesi fa, ho invitato a tutti gli organi dell’Amministrazione di comunicare alla sottoscritta attraverso PEC data, ora ed ufficio dove recarsi per ritirare le copie richieste. Addirittura è stata richiesta la redazione di un verbale in contraddittorio, alla presenza di una figura istituzionale indicata dall’amministrazione, proprio per definire una volta per tutte la consegna di atti pubblici.

Con l’occasione si segnala l’imbarazzante situazione dell’approvazione del Verbale inerente il Piano Triennale delle Opere Pubbliche (prova ne è che la votazione è stata rinvita) per la quale è stato dimostrato dalla sottoscritta che per lo stesso oggetto esistono due versioni completamente diverse nei contenuti l’una dall’altra (le due versioni sono state consegnate al Presidente del Consiglio). Situazione assolutamente inammissibile, inconcepibile, un “errore” emerso, ribadisco, solo in seguito all’intervento della sottoscritta, senza il quale si sarebbe andato a votare un “ambiguo” documento pubblico. Importante per la comunità.

In ogni caso, durante i lavori consiliari, vengo invitata dal Sindaco, Segretario Comunale e Responsabile dell’Ufficio Amministrativo (presenti in Consiglio) a recarmi, in data odierna, presso l’Ufficio di Segreteria, in quanto gli Atti Pubblici, compresi di corrispondenza (così viene dichiarato), sono a completa disposizione della sottoscritta.

Nonostante la “materia del contendere” doveva essere definita, una volta per tutte, durante il Consiglio Comunale, in data odierna la sottoscritta si reca, comunque, presso l’Ufficio di Segreteria dove vengono consegnate, con l’ ulteriore delusione, solo 6 copie di documenti di cui in allegato.

Ancora una volta si resta increduli dichiarando, per l’ennesima volta, che l’Amministrazione continua ad ostinarsi a limitare l’espletamento del mandato di un Consigliere Comunale.

Come dichiarato nel corso del Consiglio la sottoscritta si riserva di rivolgersi agli organi competenti quali Prefettura, Ufficio Ispettivo dell’Assessorato Regionale delle Autonomie della Regione Siciliana e Procura della Repubblica, per le opportune incombenze, nella speranza di concludere definitivamente questa annosa situazione ed avere cosi la possibilità di potersi dedicare ad altre problematiche riguardanti la comunità gioiosana. Si riserva, inoltre, di allegare registrazioni dell’adunanze consiliari che possono confermare quanto affermato dalla sottoscritta e tutte le intollerabili giustificazioni enunciate dall’Amministrazione.

Gioiosa Marea, 26/02/2014

Consigliere Comunale
Di Nardo Maria Rosa A.

Gioiosa Marea – Il Consigliere Rosy Di Nardo : “Mancato accesso ed estrazione, ennesima, di Atti e Corrispondenza” ultima modifica: 2014-02-26T13:27:16+01:00 da CanaleSicilia