Home Attualità Gioiosa Marea – Franco Maraffa risponde al consigliere Daniela Spinella “La invito a correggere e/o chiarire questo suo pensiero”

Gioiosa Marea – Franco Maraffa risponde al consigliere Daniela Spinella “La invito a correggere e/o chiarire questo suo pensiero”

1,447

Volley Gioiosa MareaAl Consigliere Comunale e Vice-presidente del civico consesso Daniela Spinella, giusto per alleviare il disagio, lo sconcerto e la rabbia da lei provati di fronte alla mia tetrale protesta così come lei la definisce, mi preme precisare alcune inesattezze da lei elencate nella sua pubblica lettera.

Comincio col ricordarle che il massimo gesto per riconoscere il mea culpa per un politico sono le dimissioni. Il sottoscritto, dopo 22 mesi dalla data dell’incarico ricevuto ha preso un foglio di carta e mi sono dimesso, e sa perchè? Perchè non avevo più il coraggio di guardare dritto negli occhi i cittadini di Gioiosa Marea e soprattutto gli sportivi.

Perchè veda, Consigliere Comunale e Vice-presidente del civico consesso Daniela Spinella, se mi dovessi dare un voto per la delega allo spettacolo credo di meritare la sufficienza, ma nelle vesti di assessore allo sport siamo ben sotto la sufficienza.

Non sono riuscito a portare avanti delle tematiche che mi stavano a cuore, e parlo del completamento del Palazzetto di S. Giorgio, dell’omologazione della pista di atletica, del completamento del campo di calcio e non ultima per importanza la battaglia persa affinchè il nascente impianto polivalente fosse quanto meno coperto ed agibile.

Quindi, Consigliere Comunale e Vice-presidente del civico consesso Daniela Spinella, non mi dia lezioni di etica politica perchè come vede, io con l’atto più onesto che un politico possa fare mi sono dimesso, sotto gli occhi compiaciuti di alcuni componenti della maggioranza.

Sono le stesse persone che sono rimaste comodamente sedute nelle loro poltrone e che adesso si indignano e ad appena 20 mesi dal loro insediamento invece di cercare le soluzioni non sanno fare altro che mandare i vigili urbani all’auditorium o far intervenire le forze dell’ordine per sedare una manifestazione pacifica di un cittadino che rivendica i diritti di tutti i bambini a poter praticare un qualsiasi sport.

Mi definisce DISONESTO, perchè ho continuato a far usare i palloni di gomma dal peso di 180gr a delle ragazzine?

Bene, allora sono DISONESTO, però ci tengo a precisare che la revoca dell’autorizzazione non è stata emessa perchè la sala B dell’auditorium è stata distrutta.

Non sono stato citato per danni arrecati ai pannelli in cartongesso del soffitto ne tanto meno per aver rotto i faretti dell’illuminazione interna, così come lei asserisce.

Volley Gioiosa MareaLa revoca dell’autorizzazione è stata emessa perchè è stato disatteso il divieto di usare i palloni. Consigliere Comunale e Vice-presidente del civico consesso Daniela Spinella, riporto testualmente quello da lei scritto nella lettera pubblica: – “considerato che le tante bambine che frequentano la scuola di pallavolo corrispondono un mensile di diverse decine di euro e quindi suppongo che questa “passione sportiva” abbia anche un ritorno economico, come mai il Sig. Maraffa non ha pensato di utilizzare parte di questi utili (non avendo altre spese né di affitto, né di luce, né di pulizie, sempre coperte con denaro pubblico) per noleggiare nei giorni di pioggia un pulmino con cui trasferire le piccole atlete in strutture di cui dice di poter disporre”.

Consigliere Comunale e Vice-presidente del civico consesso Daniela Spinella, mi voglio augurare che quello da lei scritto sia dettato dal “disagio, lo sconcerto e la rabbia” che lei prova in questo momento. La informo che la quota di partecipazione delle atlete fino all’età di 14 anni equivale ad € 1,50 l’ora e che è più o meno la quota che tutte le società sportive, anche gioiosane, percepiscono per sopravvivere.

Pertanto, Consigliere Comunale e Vice-presidente del civico consesso Daniela Spinella, la invito a correggere e/o chiarire questo suo pensiero, dettato sicuramente dallo stato di “disagio, sconcerto e rabbia” in cui versa, e di farlo pubblicamente, se ciò non avvenisse mi riservo di chiederle spiegazioni nelle sedi opportune, perchè mi sento profondamente leso nella mia onestà.

Stesse scuse vanno fatte alle ragazze presenti alla manifestazione, poiché sono ragazze nate e cresciute sull’asfalto e che stanno vivendo il disagio che avete provato lei e l’assessore Lisciandro.

Così come ho detto pochi giorni dopo il suo insediamento al sindaco Dott. Eduardo Spinella, ribadendolo nel suo ufficio dopo la manifestazione : IO VOGLIO USCIRE DALL’AUDITORIUM COMUNALE !!!

IO VOGLIO UTILIZZARE UN IMPIANTO SPORTIVO DEGNO DI QUESTO NOME!, perchè è inammissibile pensare che un disagio possa essere paragonato ad una tradizione.

Franco Maraffa

Gioiosa Marea – Franco Maraffa risponde al consigliere Daniela Spinella “La invito a correggere e/o chiarire questo suo pensiero” ultima modifica: 2014-02-04T22:21:36+01:00 da CanaleSicilia