Home Cronaca Gioiosa Marea – Caso Merlo, la Corte d’Appello ha confermato la sentenza di primo grado

Gioiosa Marea – Caso Merlo, la Corte d’Appello ha confermato la sentenza di primo grado

6,799

Giudice TribunaleQuindicimila euro sono stati sottratti all’ex Preside di Gioiosa Marea Antonino Merlo da parte di Ismaele Scaffidi, 27 anni, badante di Antonino Merlo, che avrebbe dovuto prendersi cura di lui.

Il badante nel periodo in cui lavorava da lui ebbe a sottrarre il codice pin della carta bancomat al pensionato, recandosi di nascosto allo sportello e sottraendo dal conto la roboante cifra.

Per questa ragione, è stato tratto a giudizio innanzi il Tribunale Monocratico di Patti, che nella persona della Dott.ssa Rita Sergi lo ha condannato riconoscendolo responsabile del resto di furto contestato alla pena di 9 mesi di reclusione ed euro 300,00 di multa, oltre al pagamento delle spese processuali ed al risarcimento danni alle costitute parti civili Merlo Natale e Merlo Tindara Nunziata, fratello e sorella del Preside Merlo, assistiti dall’Avv.to Carmelo Merlo.

Gioiosa Marea – Caso Merlo, la Corte d’Appello ha confermato la sentenza di primo grado ultima modifica: 2020-02-24T12:59:16+01:00 da CanaleSicilia