Home Attualità CUP Piraino – SLC-CGIL: “Nessuna accesa fase conflittuale”

CUP Piraino – SLC-CGIL: “Nessuna accesa fase conflittuale”

3,115

Call ServiceA correzione e smentita di alcune dichiarazioni fatte dall’On. De Domenico, pubblicate ieri sul giornale online “CanaleSicilia”, relativamente alla situazione CUP Messina, “è necessario fare delle precisazioni, onde mettere alcuni punti fermi e cercare di porre fine ad una vicenda che sembrerebbe assumere più i contorni delle così dette chiacchiere da bar, invece che rispettare la realtà dei fatti”, dichiara il Segretario Generale, della SLC-CGIL di Messina, Antonio Di Guardo.

Quanto riportato dal giornale, con le dichiarazioni fatte dall’On. De Domenico, sulla situazione CUP di Messina, non hanno riscontro con la realtà, “probabilmente è stato male informato”, afferma il Segretario Gen.

“Non si comprende quale possa essere la fonte sindacale, citata dall’Onorevole nell’articolo, dichiara il Segr. Gen., infatti nessuna accesa fase conflittuale è al momento esistente tra i lavoratori precedentemente impiegati nel servizio CUP di Messina e il nuovo gestore Coop Sociale ASSO”.

Inoltre, proprio ieri mattina tra la stessa nuova Società subentrante e le Segreterie di SLC-CGIL Messina e FISTEL-CISL Regionale, è stato stipulato un verbale di preaccordo che prevede l’apertura di una sede in provincia di Messina, e più precisamente a Patti con avvio inizio attività il 2 maggio 2020; lo stesso verbale prevede inoltre la valutazione per il riassorbimento e quindi l’impiego a tempo indeterminato, del personale di Radio Call Service che ha proposto la propria volontà al passaggio e che presta l’attività in risposta per il numero verde di prenotazioni sanitarie del CUP di Messina. Il tutto dopo che le due sigle Confederali hanno rappresentato alla ASSO, la realtà occupazionale della provincia messinese e la grande professionalità ed il bagaglio tecnico delle operatrici fin qui impiegate.

Da premettere che nulla era scontato in quanto, la Cooperativa Sociale ASSO, si è aggiudicata il Servizio CUP di Messina con una soluzione tecnica-organizzativa che prevedeva la clausola sociale con la gestione delle attività da remoto (Cesena e San Piero in Bagno).

Non si comprende invece, come ad oggi, non ci sia mai stato l’impegno politico sulla crisi della società Radio Call Service, che in atto impiega circa 90 dipendenti, nella zona di Piraino, con un situazione che al momento vede un arretrato stipendiale di circa 6 mensilità; il tutto ha obbligato molte dipendenti a dimettersi per giusta causa e ad intentare le cause per il recupero delle somme.

Antonio Di Guardo
Segretario Generale, SLC-CGIL Messina

« Vedi articolo precedente »

CUP Piraino – SLC-CGIL: “Nessuna accesa fase conflittuale” ultima modifica: 2020-03-07T13:25:59+01:00 da CanaleSicilia