Home Attualità Catania – Vinciullo: “Comportamento vessatorio del Comune di Catania e della società Sostare s.r.l. nei confronti dei cittadini”

Catania – Vinciullo: “Comportamento vessatorio del Comune di Catania e della società Sostare s.r.l. nei confronti dei cittadini”

1,960

Strisce BluIn conseguenza di una presunta infrazione, mai contestata, ma solo notificata e rilevata, per di più, da un solo ausiliario del traffico della società Sostare S.r.l. che gestisce le strisce blu della Città, il Comune di Catania ha inviato al presunto trasgressore una richiesta di pagamento ‘liberatorio’ pari ad € 38,50, così suddivisi: 25 euro corrispondenti al minimo fissato della norma mentre € 13,50 per spese di notifica.

A prescindere che il presunto trasgressore aveva regolarmente pagato il biglietto di sosta oraria, come può dimostrare attraverso prove testimoniali e che, lo stesso, pagava la sanzione inflitta ingiustamente perché la richiesta pervenuta da parte del Comune di Catania, era inferiore  alle spese processuali e perché la nota del Comune recava la dicitura : “PAGAMENTO  LIBERATORIO”.

Qualche settimana dopo, lo stesso cittadino, veniva sollecitato, attraverso una lettera, inviata in busta semplice, a pagare una ulteriore somma pari a € 30,20 così suddivisa : Penale € 10,00; Spese legali, amministrative, gestionali, accesso ufficio e visura PRA € 20,20. Questa volta, però, l’ingiunzione di pagamento, anziché pervenire dal Comune di Catania, giungeva attraverso un legale che, scriveva in nome e per conto di Sostare S.r.l.. Il cittadino, presunto trasgressore, veniva invitato, inoltre, a “voler inviare copia dell’avvenuto pagamento del bollettino postale intestato a Sostare S.r.l.” ( non al Comune di Catania ), ma al fax degli Uffici di Sostare S.r.l. oppure alla e-mail sempre di Sostare S.r.l.”, nella nota, inoltre, veniva contestato al cittadino, ormai inerme di fronte alla burocrazia, che: “Poiché alla data odierna, trascorso il periodo di gg. 30 a disposizione, non si è provveduto al pagamento, si invita il Sig. …. a pagare a Sostare S.r.l. la somma di € 30,20, come da liquidazione in calce”, “minacciando che in caso di mancato pagamento, nel termine di 10 gg dalla ricezione della presente (per inciso lettera con normale affrancatura), si vedrà costretto a procedere nei modi di Legge alla riscossione coattiva del credito con ulteriore aggravio di spese”.

L’On. Vincenzo Vinciullo, Vicepresidente Vicario della Commissione ‘Bilancio e Programmazione’ dell’Ars, venuto a conoscenza del caso ha presentato al Governo della Regione un’interrogazione parlamentare per avere chiarimenti sulla vicenda.

“Il comportamento vessatorio della società Sostare srl, di concerto col Comune di Catania – tuona il Parlamentare aretuseo –  atto ad intimidire i cittadini che, presumibilmente vanno a pagare indebitamente quanto richiesto senza battere ciglio poiché, per far valere le proprie ragioni, devono approntare costi più consistenti, ha sicuramente il crisma dell’illegittimità poiché per la medesima supposta infrazione venivano richieste il pagamento di due penali: una da parte del Comune e l’altra, successiva,  da parte di Sostare S.r.l.”

Vinciullo chiede, quindi, al Governo della Regione:

  • “Se sono a conoscenza del contratto e delle modalità che legano il Comune di Catania alla società Sostare S.r.l. ;
  • Quali sono i rapporti fra detta società ed il Comune di Catania e come pensa l’Assessore di intervenire a tutela dei cittadini inermi, costretti a subire le vessazioni non solo del Comune di Catania, ma soprattutto di questa società che, oltre a perseguitare i cittadini che hanno pagato regolarmente il biglietto, si permette di mettere in discussione l’onorabilità dei  cittadini stessi;
  • Se il Governo, non ritiene utile ed indispensabile inviare degli ispettori, presso il Comune di Catania, per visionare tutti gli atti e i documenti del caso;
  • Infine, quali provvedimenti la Regione Siciliana intende assumere a tutela dei cittadini i quali, fin dagli albori del diritto romano, sanno che Ne Bis In Idem, cioè che non si può essere condannati o sottoposti a procedimento per due volte di seguito, cosa che invece accade al Comune di Catania”.
Catania – Vinciullo: “Comportamento vessatorio del Comune di Catania e della società Sostare s.r.l. nei confronti dei cittadini” ultima modifica: 2013-10-15T15:12:38+02:00 da CanaleSicilia