Home Politica Capo d’Orlando – L’opposizione difende l’ex Collegio dei Revisori dalle ingenerose accuse del sindaco

Capo d’Orlando – L’opposizione difende l’ex Collegio dei Revisori dalle ingenerose accuse del sindaco

632

CambiAmo Capo

Scontro tra il Presidente del Consiglio e il Capogruppo di CambiAmo Capo.

Botta e risposta tra il Presidente del Consiglio Gierotto e il Capogruppo Mangano sul diritto o meno di replica alle accuse del Sindaco Ingrillì al precedente Collegio dei Revisori dei Conti. Il gruppo consiliare “CambiAmo Capo” preannuncia che nei prossimi giorni presenterà una richiesta di autoconvocazione del consiglio comunale nel rispetto delle disposizioni statutarie e regolamentari.

La decisione di abbandonare l’aula consiliare in segno di protesta ha trovato giustificazione nel diniego al capogruppo Mangano di poter intervenire sulle ingenerose accuse del Sindaco Ingrillì nei confronti del dott. Crimi, presidente del precedente Collegio dei Revisori dei Conti, che in più occasioni aveva bacchettato l’Amministrazione Ingrilli e gli uffici finanziari paladini, sia per gli ingiustificati ritardi nel riscontrare la richiesta della Corte dei Conti delle misure correttive ai Rendiconti 2015 e 2016 e al bilancio di previsione 2016/2018 nonché della propria per la  predisposizione del Piano di Riequilibrio per scongiurare il Default sia per le reiterate violazioni dei principi contabili di Veridicità, Attendibilità, Correttezza, Prudenza e Continuità.

Criticità condivise ed evidenziate dalla Corte dei Conti con le deliberazioni del 2018 e 2022, e che a seguito di ciò il Consiglio Comunale entro il prossimo mese di agosto deve deliberare le più opportune misure correttive per ristabilire gli inderogabili equilibri di bilancio.

Inoltre, il Presidente del Consiglio, per ben due volte, ha insistito sul dare la negativa al Capogruppo Mangano, reo di voler correggere la rappresentazione errata fatta dal Sindaco sull’attività dei Revisori del triennio precedente, in palese violazione sia del regolamento comunale che di quanto deciso in conferenza dei capigruppo, e cioè di derogare sul numero e sulla durata degli interventi.

Quindi giunge scontata l’azione plateale di Mangano di abbandonare l’Aula, dopo aver fatto verbalizzare il proprio disappunto per lo sgarbo istituzionale nonché la profonda delusione per la scorretta conduzione dei lavori d’aula, permettendo al sindaco di intervenire due volte e solo una volta al capogruppo di opposizione.

Se il Capogruppo Mangano avesse potuto replicare avrebbe innanzitutto precisato che, contrariamente a quanto affermato dal sindaco, il precedente Organo di Controllo non aveva mai promosso il Default ma aveva già sollecitato il Piano di Riequilibrio, con la relazione al Rendiconto 2018, pur consapevole della gravissima situazione economica finanziaria del Comune di Capo d’Orlando. Inoltre, i Revisori avevano redarguito l’ufficio economico finanziario per non aver riscontrato la loro richiesta di predisporre un’ipotesi di riequilibrio tra Entrate e Uscite per poter relazionare al consiglio comunale. In ultimo, in merito al recupero dei crediti, il Collegio dei Revisori dei Conti non aveva manifestato nessuna contrarietà, anzi auspicava un realistico piano rateale che andasse oltre i 48 mesi per scongiurare il Default delle imprese paladine che rappresentano l’80% del credito del comune di Capo d’Orlando.

Infine, il Capogruppo di “CambiAmo Capo” ha ricordato all’Assessore al Bilancio, che in occasione dell’esame del Rendiconto 2019, i consiglieri di opposizione aveva chiesto il ritiro della proposta perchè “infedele e inveritiera” per il mancato rispetto dei principi contabili e in particolare di “Veridicità e Attendibilità “, come certificato dalla Corte dei Conti con la  deliberazione 96/2022. Tale deliberazione ha dato merito all’attività ispettiva “Operazione Verità”, che ha individuato i responsabili del disastro finanziario negli uffici finanziari e nella pletora di esperti e consulenti dell’amministrazione Ingrillì. 

I consiglieri comunali
Renato Carlo Mangano,
Sandro Gazia,
Linda Liotta,
Felice Scafidi,
Giuseppe Truglio.

Capo d’Orlando – L’opposizione difende l’ex Collegio dei Revisori dalle ingenerose accuse del sindaco ultima modifica: 2022-06-30T13:15:33+02:00 da CanaleSicilia