Home Attualità Brolo – Scuola, “Di mafia si muore sempre tre volte”

Brolo – Scuola, “Di mafia si muore sempre tre volte”

1,947

Scuola Mafia Brolo“Di mafia si muore sempre tre volte”, il titolo della pièce teatrale scritta e diretta da Marina Romeo a cui hanno preso parte gli alunni dell’istituto Comprensivo di Brolo.

 In un palatenda gremito, gli attori Oriana Civile, Beatrice Damiano e Salvatore Barone hanno calamitato l’attenzione dei ragazzi portando in scena il coraggio di donne siciliane a vario titolo vittime del sistema mafioso. 

Oriana Civile e Beatrice Damiano,  hanno dato voce e volto a Serafina Battaglia, Felicia Impastato, Graziella Campagna, Francesca Serio, Rita Atria. A cucire tra di loro le storie di queste donne coraggiose, il racconto del giornalista interpretato da Salvatore Barone.

La mafia uccide prima fisicamente, quindi, moralmente, gettando discredito sulle vittime, poi, ancora, ostacolando l’accertamento della verità.

Questo il filo conduttore dell’opera, in cui echeggia il grido di disperazione di Serafina Battaglia, Felicia Impastato, Francesca Serio, madri a cui la mafia ha ucciso i figli, di Graziella Campagna,  trucidata a diciassette anni solo per avere avuto il “torto” di ritrovare nella tasca di una giacca un’agendina segreta appartenente a un mafioso, di Rita Atria, collaboratrice di giustizia, a cui la mafia, dopo la strage di via D’Amelio, ha polverizzato la speranza in un futuro migliore.

All’evento teatrale, organizzato dalla Dirigente scolastica, Prof.ssa Maria Ricciardello, per promuovere i valori della legalità, hanno contribuito in maniera importante le insegnanti Maria Gregorio e Antonella Milardi, referenti del progetto “legalità” dell’istituto Comprensivo di Brolo.

Da lodare gli alunni partecipanti – classi quinte  scuola primaria e scuola secondaria –  che, nonostante le distrazioni dovute al luogo aperto, hanno mantenuto per tutta la rappresentazione  un comportamento e attento e rispettoso.

Brolo – Scuola, “Di mafia si muore sempre tre volte” ultima modifica: 2019-03-21T16:47:49+01:00 da CanaleSicilia