Home Attualità Brolo – Cosa serve al Comune di Brolo: La “ricetta” dell’Associazione Pio La torre

Brolo – Cosa serve al Comune di Brolo: La “ricetta” dell’Associazione Pio La torre

983

Pio La Torre

CITTADINI DI BROLO

QUELLO CHE SERVE AL NOSTRO COMUNE.

1) PRIORITARIAMENTE UNA ACCORTA ORDINARIA AMMINISTRAZIONE .

2) UNA ATTENTA E RIGOROSA UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE.

3) Sistemare i conti ed evitare il DISSESTO FINANZIARIO!

Il dissesto comporterebbe la mobilità dei dipendenti e l’obbligo di applicare le ADDIZIONALI MASSIME DI TUTTE LE IMPOSTE; il pareggio entrate ed uscite delle diverse voci di bilancio quindi una SEVERA E RESPONSABILE SPESA DEL PUBBLICO DENARO.

4) RILANCIO DI TUTTE LE ATTIVITA’ PRODUTTIVE, industriali, artigianali, commerciali, turistiche fondato su risorse certe e su un capitale umano esistente di tutto rispetto, con il DEFINITIVO ABBANDONO DELLE COSTOSE VELLEITA’ DEL PASSATO (tra cui acquapark, porto canale etc.)!

5) MESSA IN SICUREZZA DEL PAESE DAL RISCHIO IDRAULICO costituito dai torrenti che scorrono sul territorio comunale con alvei che sovrastano buona parte del centro abitato.

6) SISTEMA FOGNARIO CON SEPARAZIONE DELLE ACQUE REFLUE DA QUELLE METEORICHE per evitare allagamenti e sovraccarichi idraulici nel depuratore consortile.

7) CONSOLIDAMENTO DEL COSTONE ROCCIOSO su cui sorge il Castello e parte del centro storico interessato da dissesti e crolli.

8) DIFESA DEL LITORALE dai processi di erosione con interventi innovativi (ripascimento idrodinamico) recuperando parte delle enormi quantità di sabbia disseminata sui fondali bassi.

9) REVISIONE DEL P.R.G. caratterizzandolo con ridotti consumi di territorio e maggiori incentivi all’urbanistica commerciale nonché con interventi volti a mitigare i vincoli del Piano Paesaggistico Provinciale “Ambito 9” di cui fa parte il comune di Brolo.

Al paese servono anche chiarezza e trasparenza sugli atti del Comune.

Occorre finirla con sproloqui, balbettii e proclami.

“AL MIGLIOR SINDACO DEI NEBRODI”

Chiediamo risposte esaurienti e documentate sui mutui (edificio scolastico di Piazza Roma e Palazzetto dello sport

in primis).

Chiediamo chiarezza sulle opere di urbanizzazione primaria nel Piano degli Insediamenti Produttivi di Sirò e chiediamo anche di sapere per quale motivo si sono modificate le previsioni urbanistiche del piano esecutivo redatto contestualmente al P.R.G. nel quale la strada principale era adiacente all’argine del torrente Brolo.

Ma soprattutto ci chiediamo e chiediamo al Sindaco per quale motivo anziché realizzare strade e parcheggi e verde attrezzato si è operato in modo DISSENNATO con giganteschi lavori di scavo costosissime opere di sostegno del soprastante insediamento Elettrosud (Pali trivellati, Tiranti, Terre armate etc. etc. etc.) nonostante i costosi studi geologici e relative indagini.

In molti ricordano che nella località Sirò una ampia zona era adibita a “SCAFAZZO AGRUMI” e DISCARICA di materiali di risulta.

Ciò nonostante si è operato quantomeno SENZA IL BENCHE’ MINIMO BUONSENSO a meno che (a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca) si sia approfittato della “VICENDA” per consolidare parte del piazzale di un insediamento all’epoca concessionato per coltivare FUNGHI (SI, SI PROPRIO FUNGHI!!!) e che nel tempo e con le scelte di P.R.G. ha avuto una ben “strana mutazione genetica”.

Questa è storia ( e le altre sono anche più serie) ma si sappia che anche per Sirò, Sindaco e Giunta Municipale hanno stipulato MUTUO INTEGRATIVO CON LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI.

– Visti i risultati, gli errori progettuali, le omissioni che con buon senso si sarebbero potuti evitare…Artigiani e Imprenditori hanno tempo di aspettare l’assegnazione dei lotti urbanizzati!;

– Visto che il mutuo di € 1.700.000,00 (unmilionesettecentomilaeuro) è stato quasi del tutto incassato malgrado del palazzetto dello sport non ci sia nemmeno traccia;

– Visto che è stato contratto un ulteriore mutuo di quasi 1.000.000,00 (unmilionedieuro) integrativo del finanziamento della protezione civile regionale (già di oltre 700.000,00 euro) con tutte le conseguenze annesse…..

– Visto che gli OTTIMI prospetti della scuola elementare di Piazza Roma originariamente in materiale laterizio (mattoni), nonostante le ingenti spese, SONO STATI DISTRUTTI per sostituirli con un intonaco di modesta qualità già “MASCARIATO”;

VI INVITIAMO A DIMETTERVI!!!

PER IL BENE DEL PAESE, PER DOVEROSA TRASPARENZA, OBIETTIVITA’ ED IMPARZIALITA’ NELLA CONDOTTA DELLA COSA PUBBLICA

SIGNORI AMMINISTRATORI DIMETTETEVI!

Noi, conoscendo la vostra protervia, confidiamo nell’intervento delle autorità di controllo e delle magistrature

A VOI CITTADINI, CHIAMATI A PAGARE PER LE “SPESE PAZZE”, DI FAR SENTIRE CONVINTAMENTE LA e chiediamo VOSTRA VOCE.

Brolo lì 14 Novembre 2013

Per l’ Associazione Pio La Torre
Circolo di Brolo
Ing. Pippo Natoli

Brolo – Cosa serve al Comune di Brolo: La “ricetta” dell’Associazione Pio La torre ultima modifica: 2013-11-15T19:18:52+01:00 da CanaleSicilia