Home Politica Approvata la riduzione dei Deputati Regionali – Soddisfazione di Giovanni Barbagallo

Approvata la riduzione dei Deputati Regionali – Soddisfazione di Giovanni Barbagallo

807

Giovanni BarbagalloLa legge–Barbagallo sulla riduzione dei deputati regionali da 90 a 70 è stata approvata definitivamente. Per altri cinque anni dobbiamo, però, ancora pagare venti deputati in più, poiché con le dimissioni del Presidente Lombardo e la chiusura anticipata della legislatura non è stato possibile applicare la nuova riforma. Il risultato è, purtroppo, che la riduzione dei consiglieri regionali in Friuli ed in Sardegna partirà subito mentre in Sicilia occorrerà ancora aspettare fino al 2017, salvo elezioni anticipate. Si tratta, comunque, di un evento particolarmente significativo, non solo perché l’ARS risparmierà oltre 30 milioni di euro ma perché si dimostra che, anche in Sicilia, le riforme si possono fare quando vengono sostenute con tenacia e competenza. Il provvedimento è storico perché, per la prima volta dal 1947, cambia il totale degli scranni di Sala d’Ercole. La Sicilia non poteva continuare ad avere 90 consiglieri regionali a fronte, ad esempio, degli 80 della Lombardia che ha, però, il doppio della popolazione e dei 50 dell’Emilia Romagna che ha lo stesso territorio e lo stesso numero di province. Ci pare, pertanto, assolutamente sacrosanto esprimere un apprezzamento per l’on. Giovanni Barbagallo che ha proposto il disegno di legge e ha seguito il complesso iter di riforma costituzionale con grande impegno e coraggio.

“L’approvazione definitiva del disegno di legge costituzionale che riduce il numero dei deputati regionali da 90 a 70 è motivo di grande soddisfazione. La Sicilia finalmente non è prima soltanto in vizi, ma anche in virtù”.

Lo ha dichiarato l’ex deputato regionale del PD  Giovanni Barbagallo al quale si deve l’iniziativa legislativa il cui iter si è concluso ieri.
“Con 20 deputati in meno l’ARS risparmierà 6 milioni di euro l’anno, 30 milioni in 5 anni – ha sottolineato Barbagallo – La legge sarebbe entrata in vigore  sin dall’attuale legislatura se il Presidente Lombardo non si fosse dimesso, determinando la fine anticipata della legislatura e se il disegno di legge Barbagallo non fosse stato bocciato in commissione per ben due volte. Il risultato, purtroppo, è che la riduzione dei consiglieri in Friuli ed in Sardegna partirà da subito mentre in Sicilia occorrerà aspettare la prossima legislatura”.
L’on. Giovanni Barbagallo ha espresso inoltre un plauso nei confronti del Presidente della Camera che pur con le camere sciolte ha dimostrato sensibilità istituzionale ponendo il disegno di legge all’ordine del giorno. Con l’approvazione di questo provvedimento si cancella uno dei primati negativi della Sicilia. La Lombardia, infatti, ha 80 consiglieri regionali con una popolazione che è il doppio di quella siciliana mentre in Emilia Romagna sono 50 con lo stesso territorio e lo stesso numero di province.
 

Approvata la riduzione dei Deputati Regionali – Soddisfazione di Giovanni Barbagallo ultima modifica: 2013-01-23T09:30:47+01:00 da CanaleSicilia