Home Attualità Angelo Pellicanò è il nuovo commissario ad acta per il P.O. di Sant’Agata

Angelo Pellicanò è il nuovo commissario ad acta per il P.O. di Sant’Agata

387

Ricetta MedicaRazza: “Lavorera’ in sinergia con i vertici dell’Asp, piu’ attenzione al territorio dei Nebrodi”.

Angelo Pellicanò è il nuovo commissario ad acta del presidio ospedaliero di Sant’Agata di Militello, in provincia di Messina. Lo ha nominato l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, con un proprio decreto per lavorare a stretto contatto con i vertici dell’Asp di Messina.

“Abbiamo voluto affiancare alla direzione dell’Azienda sanitaria provinciale di Messina, alla quale confermiamo fiducia e apprezzamento, una figura dedicata che dovrà provvedere al superamento di gap che si registrano a Sant’Agata di Militello”, dice l’assessore Ruggero Razza.

“Si tratta di una misura – prosegue il titolare dell’assessorato regionale alla Salute – che dimostra la grande attenzione che il governo Musumeci riserva al territorio dei Nebrodi che merita ogni iniziativa utile al proprio sviluppo”.

Il neo commissario affiancherà il direttore generale “per superare le gravi criticità organizzative e strutturali che in relazione all’evento parto non garantiscono, né per le partorienti né per i nascituri, il mantenimento degli standard fissati dalla normativa di settore”.

Il commissario ad acta, in accordo con la direzione strategica dell’Asp di Messina, avrà infatti il compito di “valutare tutte le iniziative da assumere in relazione all’avvio e all’ultimazione dei lavori di ristrutturazione, adeguamento e messa in sicurezza del Punto nascita di Sant’Agata di Militello”.

Infine spetterà al neo commissario attuare ‘tutte le direttive assessoriali in materia di interventi infrastrutturali eventualmente rimasti ineseguite presso il medesimo Presidio Ospedaliero”.

L’incarico conferito ad Angelo Pellicanò, già manager di altre importanti Aziende ospedaliere, è a titolo gratuito.

Angelo Pellicanò è il nuovo commissario ad acta per il P.O. di Sant’Agata ultima modifica: 2019-10-11T20:16:26+02:00 da CanaleSicilia