Home Sport Alla Targa Florio Classica è duello tra Mario Passanante e Giovanni Moceri

Alla Targa Florio Classica è duello tra Mario Passanante e Giovanni Moceri

531

Volvo Targa FlorioTra Palermo e Agrigento, a Corleone Passanante supera Moceri al vertice della classifica. A fine seconda tappa sono otto i centesimi separano i due Top Driver con le Fiat 508 C, terzo Antonino Margiotta con la Volvo PV 444. Oggi il Grande Evento siciliano di  Automobile Club Palermo ed Automobile Club Italia, con ACI Sport e ACI Storico affronta la tappa conclusiva sulle Madonie.

Trecento sessantaquattro chilometri hanno affrontato gli equipaggi nelle prime due tappe della Targa Florio Classica e, dopo poco pi√Ļ di dodici ore di gara, sono solo otto centesimi di secondo a separare due concorrenti in testa. E’ stata una seconda giornata della “Cursa” 2019 che ha riservato forti emozioni e richiesto grande impegno, in pieno stile del¬†Campionato Italiano Grandi Eventi ACI Sport. E’ stata lunga, per certi versi infinita, sicuramente indimenticabile per le suggestive zone attraversate da un percorso che dal¬†Museo dei Motori e dei Meccanismi¬†del sistema museale di Palermo ha portato la teoria di auto e piloti e assistenti e team ad Agrigento, quindi tornare alla base allestito nel campus universitario palermitano.

E’ stata la tappa che ha visto svilupparsi la decisa e rabbiosa rimonta di¬†Mario Passanante, il campobellese che con la Fiat 508 C del 1937 nei colori Ma Fra e condivisa con Himara Bottini, a Corleone ha raggiunto¬†Giovanni Moceri. Al fianco del “medico e campionissimo”, anch’egli a bordo di un identico modello della vettura torinese, ma del 1939 e nei colori della Scuderia Targa Florio, con la quale era al comando della gara dopo le prime frazioni cronometrate, Passanante ha idealmente guidato per alcuni chilometri sulle prove della Conca d’Oro. Solo qualche infinitesimale frazione di secondo ha diviso i due assi, inscenando un duello alla Bartali e Coppi. Il fantastico testa a testa √® durato sino al Castello Chiaromonte di Siculiana. Da l√¨ in poi, nelle terre di¬†Andrea Camilleri, Passanante ha allungato di quel poco che gli ha permesso di arrivare alla fine della giornata con otto centesimi di secondo di vantaggio. Pochissimi, ma sufficienti a permettergli di guardare alla terza tappa di oggi con pi√Ļ fiducia: “E’¬†stata una bella giornata. Bello il percorso, esaltante il confronto con Moceri”. Da parte sua Moceri non ha nulla da recriminare, forse … “Alcune mie piccole sbavature hanno influito, ma su 360 chilometri e sessanta prove mi vanno anche bene. Con Valeria (ndr Dicembre)¬†siamo praticamente perfetti ma oggi sar√† diverso, le strade del mito ci daranno una carica differente”.

Sar√† ancora battaglia nelle prossime ore, per la gioia loro ed anche per i tanti appassionati che hanno seguito la Targa Florio Classica sulle strade agrigentine e lo faranno ancor pi√Ļ oggi nelle piazze dove tutto ha avuto inizio cento e pi√Ļ anni fa:¬†Tribune di Cerda, Floriopoli, Caltavuturo, Polizzi Gerosa, Cefal√Ļ¬†nelle quali confida¬†Nino Margiotta¬†per proseguire la sua scalata al vertice. Il campobellese che vive nel cuneese e guida la Volvo PV 444 del 1947, assieme alla moglie¬†Valentina La Chiana, √® terzo con poco pi√Ļ di un secondo da recuperare. La tensione √® alta tra le fila del Volvo Club. Il campione italiano di regolarit√† 2019,¬†Massimo Zanasi, si sta confermando tale anche nei Grandi Eventi al volante della Volvo Amazon PV200 1958. Assieme a Barbara Bertini alle note, Zanasi √® quarto, di poco avanti al friulano canoista¬†Andrea Giacoppo, ottimo quinto con la Mercedes 230 SL del 1965 che condivide con¬†Daniela Grillone Teciou. La Top five non √® affaire riservato a pochi. Il ferrarese¬†Fabbri¬†√® l√¨, ad un passo, sesto con la Volvo PV 544 1965, il lombardo¬†Cavalleri¬†√® settimo con una vettura tra le pi√Ļ datate: la Fiat 508 Spider del 1932, a precedere il ferrarese¬†Sergio Sisti, su Lancia Aprilia del 1937. Nono √® il romano¬†Ermanno De Angelis, al volante della Cisitalia 202 SMM Nuvolari del 1947, schierata dal¬†MAUTO Museo dell’Auto¬†Torino¬†affiliato¬†ACI Storico,¬†mentre √® decimo¬†Ezio Sala¬†con la Lancia Aprilia del ’37 nei colori della Emmebi 70.

E’ quattordicesimo il primo degli equipaggi stranieri: i giapponesi Yokota Mashiro ed Oki Etsuko su Lancia Aprilia 1937, quarantaseiesimi sono gli olandesi Van Der Ent Frank e Postma Pieter su Alfa Romeo Giulia Super 1967

Alla Targa Florio Classica è duello tra Mario Passanante e Giovanni Moceri ultima modifica: 2019-10-12T16:55:19+02:00 da CanaleSicilia