Home Attualità Aeroporto di Palermo – Legea Cisal: “Catania hub Mediterraneo? Una forzatura, si mobilitino le istituzioni”

Aeroporto di Palermo – Legea Cisal: “Catania hub Mediterraneo? Una forzatura, si mobilitino le istituzioni”

667

Aeroporto Palermo

“La scelta di Enac discegliere l’aeroporto di Catania come hub del Mediterraneo, a scapito di Palermo, è una forzatura: lo scalo di Punta Raisi, per le sue piste, è idoneo a ospitare mezzi di maggiori dimensioni e non soffre la vicinanza dell’Etna che spesso costringe gli aerei a cambiare percorso. Il Falcone-Borsellino può contare su due piste di 3.326 metri e 2.068 metri e quattro direzioni di atterraggio, più 37 piazzole di sosta, a fronte di Catania che ha una sola pista di 2.436 metri e due sole direzioni di atterraggio.

Condizioni incontestabili che ci hanno spinto a chiedere l’intervento del Comune di Palermo che, da noi sollecitato, ci ha assicurati di avere già esposto la questione all’Enac e che altrettanto farà con il prossimo Governo regionale. È necessario però che tutti intervengano, dal presidente Schifani al Governo Meloni, per correggere una scelta sbagliata che non fa certamente gli interessi di tutta la Sicilia”. Lo dicono Giacomo De Luca di Legea Cisal Palermo e Gianluca Colombino, segretario Cisal Palermo. 

Aeroporto di Palermo – Legea Cisal: “Catania hub Mediterraneo? Una forzatura, si mobilitino le istituzioni” ultima modifica: 2022-10-24T15:58:17+02:00 da CanaleSicilia