Home Manifestazioni 205° Annuale della fondazione dell’Arma dei Carabinieri

205° Annuale della fondazione dell’Arma dei Carabinieri

579

Giovanni CataldoIntervento del Gen. D. Giovanni Cataldo, comandante della legione Carabinieri Sicilia.

Autorità, gentili ospiti, oggi, al cospetto della bandiera di guerra del XII Rgt., cui va il mio reverente saluto, nel rievocare la fondazione dell’Arma avvenuta 205 anni fa, vestiti delle nostre migliori uniformi, com’è costume presentiamo il nostro bilancio annuale alla comunità, individuiamo i nuovi obiettivi da perseguire, attingiamo nuovo vigore dai valori di cui è innervata, da sempre, la nostra benemerita Istituzione.

A premessa di tutto, però, sento doveroso rivolgere un pensiero affettuoso, commosso e riconoscente a tutti i commilitoni che sono prematuramente scomparsi lasciando in ognuno di noi un vuoto difficilmente colmabile. Ai parenti dei nostri caduti va il più affettuoso abbraccio di tutti noi.

Un pensiero di sincera vicinanza, inoltre, desidero rivolgere ai 480 Carabinieri che, in Sicilia, nel corso dell’anno appena trascorso hanno riportato ferite in servizio, nell’adempimento del loro quotidiano e silente dovere.

Un sincero ringraziamento desidero rivolgere al Prefetto di Palermo e con lei a tutti i Prefetti della Regione, che con grande determinazione, equilibrio e sensibilità coordinano le attività dei CPOSP, affrontando in un clima di elevata sinergia tutti gli aspetti di ordine e sicurezza pubblica che riguardano le rispettive province.

E parimenti mi preme evidenziare la perfetta sintonia consolidatasi con le Autorità Giudiziarie, ed in particolare con i Capi degli Uffici inquirenti, sempre pronti ad affrontare, con la necessaria aderenza e tempestività, ogni emergente problematica.

Un rinnovato e sincero grazie ai vertici delle altre forze di polizia con i quali la stretta e costante collaborazione non disgiunta da incondizionata stima ed amicizia, peraltro rilevata dalla totalità delle istituzioni civili e religiose, consente, quotidianamente, di operare in modo armonico e proficuo sul territorio, a piena garanzia per il cittadino.

Un fraterno saluto, ai qualificati rappresentanti delle altre Forze Armate che con noi condividono il carattere militare di cui siamo fermi sostenitori e assertori e che è fondamento primo della nostra Istituzione.

Ringrazio, inoltre, i delegati della Rappresentanza Militare per il costruttivo apporto sinora offertomi, nel doveroso rispetto del rapporto gerarchico, al fine di garantire le delicate esigenze di benessere del personale.

Un grazie particolare alle Associazioni Combattentistiche e d’Arma qui convenute, nonché ai rappresentanti delle sezioni dell’Associazione Carabinieri in Congedo della Sicilia, ancora una volta testimoni di una vita vissuta nell’impegno e nel sacrificio, sempre attivi nel collaborare con le Istituzioni locali e tangibile esempio per i nostri giovani.

La capillare distribuzione dei reparti dell’Arma costituisce, anche in Sicilia, uno dei nostri punti di forza. La sua efficienza si esprime nei diversi settori d’intervento attraverso un modello operativo imperniato sulla “prossimità” e fondato sul ruolo delle oltre 400 Stazioni e Tenenze, che rappresentano il “front office” dello Stato, sicuri riferimenti per la collettività, a tutela della libertà e della convivenza civile.

La loro missione è quella di garantire la prevenzione e il contrasto dei reati, assicurando la necessaria presenza sul territorio, promuovendo quella vicinanza e quella partecipazione alla vita delle comunità che è significativamente racchiusa nell’espressione “Arma della gente”. Ed è in tale contesto che si inquadrano, anche su direttiva del Comando Generale dell’Arma, le numerosissime iniziative volte alla diffusione della legalità negli istituti di formazione di ogni ordine e grado dell’intera Regione, convinti, più che mai, dell’importanza della Scuola che, non me ne voglia il Prefetto De Miro se prendo in prestito un suo concetto ribadito in occasione della recente Festa della Repubblica, la Scuola, dicevo, rappresenta la più importante agenzia educativa, un fondamentale laboratorio di cittadinanza attiva.

  Assisteremo, tra poco, alla consegna delle ricompense per operazioni di servizio di particolare spessore contro la criminalità o di soccorso ai cittadini. Riconoscimenti, di livello anche più elevato, vengono contestualmente tributati oggi ad altri militari della Legione nelle cerimonie in corso a Roma e a Messina. Sono premi che vanno ad esaltare comportamenti meritevoli e risultati di speciale valore. Ciò che voglio celebrare in questo momento, però, è la diuturna attività del singolo carabiniere, dei militari di servizio delle nostre caserme, dei comandanti delle nostre Stazioni, degli equipaggi delle nostre gazzelle che, ogni giorno intraprendono il loro servizio non potendo immaginare, non dico i pericoli che correranno, ma i problemi che dovranno affrontare. Problemi che affronteranno adeguatamente, con spirito di servizio e con cosciente e consapevole responsabilità.Quel senso di responsabilità che viene spesso mutuato dalla società civile perché è funzionale all’educazione al dovere per percepire il vero significato del diritto ed è per questo, per trarre un esempio edificante per la cittadinanza e per le nuove generazioni che Autorità comunali, regionali, scolastiche sono giunte ad intitolare a tanti nostri caduti strade, piazze, scuole, aule, perché ovunque appunto l’esempio della storia prevalesse, perché i bambini ed i giovani sapessero, capissero come e quanto si possa fare e dare senza calcolo, con generosità, perché gli altri vivano, perché la legge e la legalità trionfino sul malaffare. Molto spesso, infatti, la mancanza di diritti è causata da coloro che non fanno il proprio dovere.

I dodici mesi trascorsi hanno visto i reparti della Legione impegnati, nel contrasto di varie forme di criminalità, spesso di tipo strutturato e di matrice mafiosa. Gli atti di violenza che hanno caratterizzato la ricerca della supremazia ora di questa ora di quella consorteria criminale, il tentativo stroncato in tempo, di ricostituire la c.d. cupola, gli omicidi, le rapine, il furto di notevoli quantità di rame che hanno rischiato di mettere in crisi la sicurezza dei trasporti e la funzionalità delle comunicazioni, il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti, l’illecita intermediazione nell’assunzione dei lavoratori agricoli non esauriscono il panorama delle sfide affrontate quest’anno.

Ogni trionfalismo sarebbe eccessivo, direi inopportuno. Ma non possiamo esimerci, anche per riconoscere giustamente gli sforzi del personale, dal constatare che i risultati sono stati rilevanti e il contrasto è stato efficace contribuendo a fare in modo che la Sicilia non venga ricordata per la mafia ma soprattutto per le sue bellezze naturali, la sua cultura, la sua arte, la sua laboriosa gente.

Una particolare menzione desidero fare, inoltre, per l’attività di prevenzione di tipo patrimoniale che ha portato al sequestro e alla confisca di cospicue ricchezze di dubbia o di definitivamente accertata illecita provenienza. Tale impegno, al di là del valore delle sostanze acquisite all’Erario, colpisce al cuore il funzionamento delle organizzazioni criminali, prosciugandone le fonti di finanziamento. Essa ha un alto valore dimostrativo nella pubblica opinione, perché afferma un sacrosanto principio: il crimine non paga, e la legalità conviene!  

I provvedimenti legislativi di riordino della Pubblica Amministrazione hanno definitivamente consacrato la vocazione dell’Arma alla tutela della salute e dell’ambiente. Le professionalità delle articolazioni di  NAS e NOE conferiscono maggiore efficacia all’azione contestualmente condotta, con altrettanto impegno, da tutti i reparti territoriali e speciali. In Sicilia, in particolare, pressante è stata l’attività dell’Arma nel contrasto a ogni forma di inquinamento e agli illeciti nel ciclo di smaltimento dei rifiuti, a protezione di un territorio la cui vocazione agricola e turistica sta trovando continue e sempre maggiori conferme. 

La caserma dei carabinieri, soprattutto quella delle Stazioni, è qualcosa in più di un semplice ufficio pubblico. Nelle nostre caserme il cittadino si reca spesso per cercare un consiglio, un conforto, normalmente un aiuto se non una protezione da un pericolo. È, quindi, necessario che l’edificio sia non solo funzionale, ma decoroso e accogliente. Questo, al di là dei requisiti di igiene e confortevolezza per i militari che ci lavorano e, spesso, ci vivono. Il Comando della Legione Sicilia, si è molto speso per ricercare le soluzioni più adatte per migliorare il nostro parco infrastrutturale (vasto e frammentato, data la nostra presenza così ramificata) senza incidere negativamente su una spesa già alquanto gravosa. In questo sforzo troviamo spesso le Amministrazioni locali che, nell’ottica dell’affermazione del concetto di sicurezza partecipata, ci affiancano, pur se con diversa sensibilità e con le limitazioni imposte dai rispettivi bilanci, recuperando beni pubblici non più in uso o promuovendo la realizzazione di nuove strutture senza ulteriori aggravi per lo Stato. Grazie a questa favorevole attitudine, abbiamo potuto trasferire, ad esempio, la compagnia di Barcellona P.G. in un immobile ben più adatto alle esigenze del reparto della sede precedente, mentre simili iniziative si stanno sviluppando in altri centri della regione con progettazioni curate da Provveditorato alle Opere Pubbliche, Città Metropolitana, altri Enti locali, anche con fondi stanziati per il “Patto per lo Sviluppo della Regione Sicilia”.

In tale quadro desidero citare anche l’accordo siglato dall’Arma con il “Soroptimist International d’Italia”, grazie al quale sono state allestite sino ad ora in Sicilia, ben 13 stanze per l’ascolto di minori e donne vittime di violenze e abusi.

Concludo, rivolgendomi a voi Carabinieri della Legione Sicilia. A voi va il mio sincero ringraziamento, sicuro di interpretare l’unanime sentimento della cittadinanza che sa cogliere il vostro impegno, talvolta discreto e “non visibile”, ma in grado di garantire quell’ambiente sicuro che ogni cittadino ha il diritto di richiedere. Sono fortemente convinto per il futuro che sapremo, insieme, essere all’altezza delle responsabilità che ci attendono e rispondere con entusiasmo a tutte le aspettative della collettività, per potere continuare, citando una frase cara ad un mio illustre predecessore, il Generale Carlo Alberto dalla Chiesa, cui tra l’altro è intitolata questa Caserma, per potere continuare, a guardare serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei propri figli.

Viva la Legione Sicilia, viva l’Arma dei Carabinieri, viva l’Italia.

205° Annuale della fondazione dell’Arma dei Carabinieri ultima modifica: 2019-06-06T08:53:13+02:00 da CanaleSicilia