Home Accadde oggi 18 Luglio 1914 – Nasce Gino Bartali

18 Luglio 1914 – Nasce Gino Bartali

1,832

Gino Bartali 1950Gino Bartali, esord√¨ come ciclista dilettante nei primi anni trenta con la societ√† “Aquila divertente”. Nel 1935 si sent√¨ pronto al passaggio al professionismo, ma si iscrisse alla Milano-Sanremo come indipendente. Incredibilmente si trov√≤ in testa dopo aver staccato Learco Guerra. Disturbato mentalmente ad arte con un’intervista in corsa dal direttore della Gazzetta dello Sport Emilio Colombo, fu ripreso e battuto in volata, finendo quarto.

Venne ingaggiato dalla scuderia Frejus con la quale corse il suo primo “Giro d’Italia” finendo settimo con una vittoria di tappa. Finir√† la stagione con la vittoria al Criterio di Montiujch, al Giro dei Paesi Baschi ed al Campionato Italiano. Nel 1934 vinse la quinta edizione della Coppa Bologna, valida come terza prova del Campionato toscano dilettanti, e con questa vittoria si laure√≤ campione di Toscana.

Costretto a lavorare come riparatore di ruote di biciclette, risulta che Bartali, fra il settembre 1943 e il giugno 1944 si sia adoperato in favore dei rifugiati ebrei, compiendo numerosi viaggi in bicicletta dalla stazione di Terontola-Cortona fino ad Assisi, trasportando documenti e foto tessere nascosti nei tubi del telaio della bicicletta affinch√© una stamperia segreta potesse falsificare i documenti necessari alla fuga di ebrei rifugiati, tanto che nel 2005 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi gli confer√¨ la medaglia d’oro al merito civile per aver salvato circa 800 cittadini ebrei. Ricercato dalla polizia fascista sfoll√≤ a Citt√† di Castello, dove rimase cinque mesi, nascosto da parenti ed amici.

¬†¬†¬† Medaglia d’Argento al Valore Atletico nel 1938
¬†¬†¬† Medaglia d’Oro al Valore Atletico nel 1965
    Premio Sport del Comune di Camaiore nel 1983
    Premio Ciclismo Vita Mia nel 1990
¬†¬†¬† Collare d’Oro al Merito Sportivo alla memoria nel 2000
    Inserito nella Top 25 della Cycling Hall of Fame

Si è spento per un attacco di cuore il 5 maggio 2000 nel primo pomeriggio nella casa di Firenze in piazza Cardinale Elia Dalla Costa.

Il 25 aprile 2006 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha consegnato alla moglie, la Signora Adriana, la medaglia d’oro al valor civile per aver aiutato e salvato tanti ebrei durante la Seconda guerra mondiale. Il 2 ottobre 2011, inoltre, Bartali √® stato inserito tra i Giusti dell’Olocausto nel Giardino dei Giusti del Mondo di Padova per l’aiuto offerto agli ebrei durante la seconda guerra mondiale.

18 Luglio 1914 – Nasce Gino Bartali ultima modifica: 2012-07-18T08:58:12+02:00 da CanaleSicilia