Home Attualità WWF Lago Soprano – Carbone dalla “befana” alla ex Provincia di Caltanissetta

WWF Lago Soprano – Carbone dalla “befana” alla ex Provincia di Caltanissetta

1,911

Lago Soprano WWF[VIDEO] Cattiva gestione della riserva “Lago Soprano” 

In un video-denuncia gli ambientalisti criticano l’Ente Gestore: in 15 anni la ex Provincia si è dimostrata tecnicamente inadeguata, scientificamente impreparata e politicamente disinteressata alla gestione di una preziosa area naturale

In occasione della festa della Befana e della tradizionale consegna di carbone per chi si è comportato male, il WWF Sicilia Centrale di Caltanissetta assegna simbolicamente una calza piena di carbone alla ex Provincia regionale, oggi Libero Consorzio Comunale, quale Ente Gestore della Riserva naturale “Lago Soprano” di Serradifalco.

“La ex Provincia si è dimostrata tecnicamente inadeguata, scientificamente impreparata e politicamente disinteressata alla gestione di una preziosa area naturale – dichiara Ennio Bonfanti, presidente del WWF Sicilia Centrale -: da oltre un decennio il WWF e le altre Associazioni ambientaliste segnalano la  palese situazione di degrado e abbandono della Riserva, i continui reati e manomissioni dell’ambiente che vi vengono perpetrati nella completa impunità, la totale assenza della benché minima forma di vigilanza e controllo sull’area. Di fronte a denunce, esposto, appelli, dossier, interventi sulla stampa, incontri ufficiali e manifestazioni pubbliche, la ex Provincia è rimasta negli anni sostanzialmente inerte, con un comportamento omissivo che ormai è divenuto intollerabile”.

PLago Soprano WWFer questo nei prossimi giorni il WWF chiederà formalmente all’Assessore regionale all’Ambiente, Maurizio Croce, la revoca dell’affidamento della Riserva, per trovare un nuovo Ente gestore: chiunque esso sia, sicuramente potrà fare di meglio! In oltre 15 anni (sic!) di “gestione” la ex Provincia – con l’alternarsi di svariati Presidenti, Commissari, Assessori e Direttori della Riserva – non ha provveduto ai più importanti compiti istituzionali che la Regione Siciliana le ha affidato nella gestione delle emergenze naturalistiche e degli equilibri ecologici del lago (“coordinare le attività di fruizione della riserva, attività di studi, ricerche, consulenze e di programmazione necessarie al raggiungimento delle finalità istitutive della riserva; predisporre la relazione annuale sui risultati conseguiti nella gestione annuale della riserva e la richiesta per il successivo fabbisogno” ecc.). Ed oggi che la trasformazione in Libero Consorzio ha, di fatto, svuotato di risorse e di concreta operatività l’Ente provinciale, continuare ad affidargli la gestione della riserve risulterebbe assolutamente nefasto.

Lo scorso settembre, i volontari del WWF Sicilia Centrale hanno realizzato il video-denuncia “Lago Soprano: la Riserva che non c’è” con il quale, per l’ennesima volta, si documenta l’incapacità di gestire una Riserva ricca di biodiversità, lasciandola in uno stato di perenne abbandono e di totale assenza di controllo, anche ai fini del contrasto dei vari illeciti ambientali che la affliggono. Contestualmente, un esposto è stato inviato al Libero Consorzio, quale Ente Gestore, per chiederne l’immediato intervento. “Qual’è stata la risposta? Una laconica nota inviata al WWF – prosegue Bonfanti – lo scorso ottobre: “Questo Ente gestore si adopererà per i provvedimenti consequenziali previsti dalla legge Regionale”. Ancora una volta registriamo un atteggiamento di tenace chiusura contro il WWF – Ente Morale ed associazione di protezione ambientale riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente – per le sue costanti denunce su questo andazzo, che dimostra la volontà di continuare a non tutelare effettivamente una Riserva che, se ben gestita con un approccio integrato e scientificamente fondato, rappresenterebbe un’occasione di sviluppo territoriale”.

E invece, dopo oltre 15 anni di individuazione dell’Ente gestore della Riserva, ancora non è stato approvato, ad esempio, il Piano di sistemazione della riserva (art.8 del Decreto dell’Assessore Territorio e ambiente del 28 dicembre 2000): di fronte all’incapacità di gestire un’area così importante, l’unica via possibile per garantire la necessaria protezione agli ecosistemi ed alle specie del lago ed insieme la possibilità di perseguire uno sviluppo delle attività turistiche e di fruizione dei luoghi, appare quella di individuare un nuovo Ente Gestore, capace di garantire la conservazione del patrimonio di biodiversità della Riserva e di procedere, finalmente, alla gestione razionale del territorio e di promozione locale.

WWF Lago Soprano – Carbone dalla “befana” alla ex Provincia di Caltanissetta ultima modifica: 2017-01-05T19:30:04+01:00 da CanaleSicilia