Home Attualità Un Consorzio tecnico intellettuale per controllare le piattaforme al largo delle coste siciliane

Un Consorzio tecnico intellettuale per controllare le piattaforme al largo delle coste siciliane

927

Trivellazione OffShoreNasce un Consorzio tecnico intellettuale composto da Enti pubblici, Associazioni e liberi professionisti per controllare le piattaforme al largo delle coste siciliane.

I pozzi off shore sono in sicurezza? E’ possibile chiudere un giacimento in mezzo al mare? E se si abbandona un pozzo? Una volta chiuso l’impianto cosa succede?

Per controllare le piattaforme in mezzo al mare che per lontananza dalle nostre coste le rendono misteriose e sconosciute e per garantire l’integrità dell’ecosistema marino nasce un Consorzio volontario tecnico intellettuale composto da Enti pubblici, Associazioni e liberi professionisti che mettono a disposizione della collettività mezzi e competenze maturate a mare.

Un organismo di monitoraggio sistematico delle trivelle che si trovano al largo delle coste siciliane con possibilità di effettuare analisi periodiche e documentare ciò che succede sott’acqua: un occhio a disposizione di tutti con l’intento di prevenire per non provocare danni peggiori, sia che chiudono o che restano aperti i pozzi off shore.

Il Consorzio è promosso dalla Soprintendenza del Mare, UniKore, Università di Messina, Lega Navale di Agrigento, SiciliAntica a cui aderisco diversi ricercatori e esperti.

Il nuovo organismo, una sorta di Pool di mari puliti, avrà funzioni di salvaguardia e tutela del mare e lo scopo di promuovere tavoli tecnici per affrontare i vari aspetti della problematica e le soluzioni per accompagnare le strutture di estrazione verso una loro dismissione innocua per l’ambiente marino.

Un Consorzio tecnico intellettuale per controllare le piattaforme al largo delle coste siciliane ultima modifica: 2016-04-15T22:35:03+02:00 da CanaleSicilia