Home Manifestazioni A Tindari “Il Curriculum di Dio” con Paride Benassai e Maurizio Bologna

A Tindari “Il Curriculum di Dio” con Paride Benassai e Maurizio Bologna

680

Curriculum di Diodi Gabriele Villa – L’esilarante commedia “Il Curriculum di Dio”, tratta dal libro di Jean-Louis Fournier, che ha visto in scena Paride Benassai e Maurizio Bologna, ha divertito il pubblico presente, giovedì sera, al teatro greco di Tindari. Attraverso dialoghi ironici ed a tratti profondi, l’opera, riadattata dal regista Alfio Scuderi, affronta il tema della ricerca del lavoro in Sicilia, ma non solo. Infatti, nel dialogo tra Paride Benassai (Dio) e Maurizio Bologna (addetto ufficio collocamento) emergono argomenti di grande attualità come il fenomeno dei piromani e gli incendi che hanno devastato, nelle scorse settimane, la provincia di Messina.

La surreale conversazione tra i due protagonisti regala un carico intenso di sensazioni variegate, spezzate dalle tante risate, a volte amare, che spingono lo spettatore a riflettere che danno vita ad uno spettacolo brillante ma al tempo stesso carico di tante altre sensazioni.

La trama è molto semplice. Terminata la creazione Dio non sa come impiegare il tempo libero ed annoiato, decide di scendere a Palermo, da disoccupato, in cerca di un lavoro. Così presenta il suo curriculum all’ufficio di collocamento. Le domande dell’esaminatore mettono il candidato in difficoltà facendo emergere tematiche e sentimenti contrastanti tanto da far riflettere lo stesso Dio sulla perfezione della sua opera. Ed infatti, rispondendo alle domande del suo esaminatore, cerca, in qualche modo di far comprendere le sue scelte, ma allo stesso tempo di come il libero arbitrio dell’uomo sta rischiando di rovinare tutto. La scelta di arricchire il testo originale con riferimenti diretti a tematiche d’attualità, tra cui anche la questione dei migranti, spinge a riflettere sulla vita frenetica dell’uomo che non trova mai il tempo di fermarsi a contemplare la natura e ciò che c’è di bello nel mondo. Il messaggio arriva diretto allo spettatore anche grazie alla bravura comunicativa dei due attori e all’appello finale di Dio all’essere umano, ospite in questa terra di cui deve sapersi prendere cura.

Gli spettacoli al teatro greco di Tindari proseguiranno questa sera con l’atteso concerto di Antonello Venditti. Il cantautore romano proporrà uno spettacolo in acustico in cui farà ascoltare i suoi più grandi successi in una chiave insolita. Ancora la musica protagonista al teatro antico con l’Indiegeno Fest. Il 9 agosto si esibirà Carmen Consoli, mentre il 10 agosto sarà la volta di Brunori Sas.

Il 16 agosto, invece, sarà la pattese Gilda Buttà, la pianista di Morricone, a tornare a Tindari per deliziare con la sua musica ed i brani celebri delle colonne sonore dei film.

Oltre alla musica c’è anche ampio spazio per il teatro. Lunedì 7 agosto in scena la Medea per la regia di Walter Pagliaro con Micaela Esdra, venerdì 11 agosto il Ciclope con Edoardo Siravo e la regia di Angelo Campolo. Risate assicurate il 12 agosto con Tuccio Musumeci che riproporrà una commedia collaudata come il “Dyskolos” di Menandro.

Nell’ambito di Anfiteatro Sicilia atteso l’appuntamento di sabato 12 alle 5 con la suggestiva Alba che quest’anno vedrà protagonista Monica Guerritore in “Dall’Inferno… all’Infinito”. L’attrice proporrà un viaggio immaginario nell’animo umano attraverso i versi di autori immortali quali Dante, Leopardi Pasolini, Pacese e Flaubert. Chicca del cartellone tindaritano la partecipazione di Michele Placido in “Serata d’onore” sabato 19 agosto. L’attore interpreterà poesie e monologhi dei più importanti poeti e scrittori e sarà accompagnato in questo viaggio da Gianluigi Esposito e dal musicista Antonio Saturno.

A Tindari “Il Curriculum di Dio” con Paride Benassai e Maurizio Bologna ultima modifica: 2017-08-05T18:40:32+02:00 da CanaleSicilia