Home Attualità Teatro – Avviata la “Stagione dello Stipendificio”

Teatro – Avviata la “Stagione dello Stipendificio”

931

Teatro Vittorio Emanuele MessinaMESSINA – Singolare e preoccupante il comportamento del CdA del Teatro Vittorio Emanuele assunto con la delibera n. 17 adottata in 18 aprile scorso. Il CdA, , anziché di implementare la stagione artistica, avvia la “Stagione dello Stipendificio”.

Il CdA con la citata delibera, cosa gravissima, prevede l’istituzione di uffici temporanei, l’utilizzo di perdonale proveniente da altri enti, il conferimento di incarichi a soggetti esterni, a docenti, ad Enti di Formazione per avviare attività formative di supporto e tutoraggio e per questo impegnando già una somma di 60 mila euro, al conferimento di incarichi a titolo gratuito personale in quiescenza per gli ambiti amministrativi, economico-finanziario, personale, programmazione strategica, marketing, pubblicità, appalti, formazione, promozione ed altri eventualmente individuati; praticamente per tutti i servizi ed ambiti dell’Ente.

D’altra parte il Teatro dal punto di vista economico-finanziario naviga in acque floride e perciò invece di implementare le attività teatrali, vera “mission” dell’Ente, avvia una Stagione di Stipendificio, incarichi consulenze, sperperando risorse e soprattutto mortificando ed umiliando il personale dipendente dell’Ente che da ben oltre 20 anni assicura con grande senso di responsabilità ed abnegazione servizi ed attività, rinunciando anche a spettanze economiche straordinarie ed indennità varie, consapevoli delle difficoltà economico-finanziarie cui versa l’Ente.

Peraltro desta meraviglia il singolare richiamo al comma 9 del DL 95 che vieta “di attribuire incarichi di studio e di consulenza a soggetti, gia’ appartenenti ai ruoli delle stesse e collocati in quiescenza, che abbiano svolto, nel corso dell’ultimo anno di servizio, funzioni e attività corrispondenti a quelle oggetto dello stesso incarico di studio e di consulenza”.

Il CdA del Teatro dimentica che sul fronte del personale ad oggi restano ancora aperte irrisolte questioni legate al reinquadramento ed all’applicazione piena del Contratto Collettivo di Lavoro Regionale e si destreggia in alchimie e strategie creative che avrebbero il sapore di vestiti preconfezionati, dicendo genericamente e sproporzionata di poter fare ricorso a figure in quiescenza e senza giustificarne le reali motivazioni e che a giudizio del sindacato dovrebbero essere limitati, circoscritti e seriamente motivati.

Purtroppo ancora una volta viene disattesa ogni tipo di relazione sindacale e per questo non possiamo fare altro che stigmatizzare e bocciare il comportamento assunto dal CdA Teatro, invitandolo a revocare gli atti posti in essere ripristinando corrette relazioni sindacali e soprattutto essere rispettosa della normativa ed anche del personale tutto in servizio presso l’Ente che non può essere ancora una volta mortificato ed umiliato.

Attendiamo perciò con particolare interesse una convocazione urgente ed immediata avvertendo che contrariamente si darà vita ad inevitabili assunzione di iniziative di tutela e di garanzia per i lavoratori ma soprattutto per ricondurre nel giusto alveo l’operato del CdA.

Francesco Triolo
Ufficio Stampa Cisl Messina

Teatro – Avviata la “Stagione dello Stipendificio” ultima modifica: 2016-04-30T16:00:12+02:00 da CanaleSicilia