Home Attualità Storiella numero 1 di un cittadino attivo – Tino Mastrolembo

Storiella numero 1 di un cittadino attivo – Tino Mastrolembo

487

StorielleNel consiglio comunale di un paesino entra una videocamera per riprendere una seduta importante. I consiglieri di maggioranza assistiti dal segretario (part time) dicono che non è possibile in quanto vietato dalle disposizioni generali. La minoranza fa appello al presidente del consiglio, il quale in evidente imbarazzo si rimette alla decisione del segretario dandogli una libertà di scelta che non gli compete. Morale della favole le riprese non vengono fatte, il punto della discussione non si vota poichè il presidente avrebbe “rischiato” di votare contro e la maggioranza chiede il rinvio. Successivamente il presidente del consiglio chiede spiegazioni al segretario il quale risponde per iscritto secondo le disposizioni generali senza tener conto di altre disposizioni regionali ma soprattutto senza tener conto che in campagna elettorale la stessa colalizione che adesso amministra aveva come cavallo di battaglia proprio (sembra un paradosso) la diretta streaming delle sedute. Il Presidente del consiglio decide di soprassedere, sminuendo a mio modesto avviso la funzione che svolge e il compito arduo ma importante di raprresentare circa 300 elettori personali. Ora per dargli un sollievo e una possibile via di fuga, lo invito a non tacere e magari, perchè no, a trovare la soluzione portando proprio in consiglio comunale la proposta di “autorizzazione alle riprese video come da programma elettorale” cosi si vota, la proposta passa, la gente è informata e lui stesso se vorrà votare contro o a favore, secondo coscienza, circa il consorzio ideale per GIOIOSA MAREA o altro provvedimento lo puà fare liberamente, senza pregiudizi, in trasparenza e magari con quella parte di consenso che si acquista amministrando bene. Fine.

Storiella numero 1 di un cittadino attivo – Tino Mastrolembo ultima modifica: 2013-03-19T17:03:06+01:00 da CanaleSicilia