Home Attualità E’ stata “festa” a Brolo con la Giornata del Libro

E’ stata “festa” a Brolo con la Giornata del Libro

1,151

Giornata del libro a BroloSabato scorso, in coincidenza con la giornata mondiale del Libro e del Diritto d’Autore, a Brolo è stata “Festa” per tanti ragazzi degli Istituti Comprensivi del comprensorio che hanno aderito all’invito formulato dall’amministrazione Comunale che ha anche indetto, fra gli studenti, un concorso letterario.

Gli Istituti presenti erano quello comprensivo di Capo d’Orlando – il “Giovanni Paolo II°” – quello di Gioiosa Marea e poi di Longi e l’Alberghiero di Brolo che ricade sotto la giurisdizione del “Merendino” di Capo d’Orlando.

Una manifestazione che ha visto interagire tante componenti, come sottolineato dall’assessore Marisa Briguglio, organizzatrice e promotrice dell’evento,che ha contribuendo personalmente – alla pari del sindaco Irene Ricciardello che ha acquistato i libri donati ai ragazzi vincitori- a coprire i costi dell’evento, per non far gravare nulla sulle casse comunali.

Di mattina al palatenda c’è stato l’incontro con la scrittrice Irene Condonato, autrice di un best seller “Il club dei sogni dimenticati” (Kimerik), romanzo scritto da una ragazzi e indirizzato non solo ai suoi coetenei. Infatti “Il club dei sogni dimenticati” racconta di un gruppo di ragazzi, dei loro giochi e sogni, di una Tana, il luogo in cui coltivare speranze e incassare delusioni, del loro mondo che spesso, anche nel linguaggio sfugge agli adulti. Irene ha parlato a lungo con i ragazzi rispondendo anche alle domande che le venivano rivolti da una platea incuriosita.La giovane scrittrice barcellonese è stata omaggiata di una targa. Poi di seguito, dopo l’intervento della professoressa orlandina Rosaria Micale, anche lei autrice di romanzi dedicati ai ragazzi di Gaia Maio, editrice e direttrice della Yorik editore, sono stati attribuiti i premi alle scuole che hanno partecipato al concorro letterario, sul romanzo breve, edito- per la prima volta – dall’amministrazione comunale di Brolo.

Una commissione composta dal sindaco – Irene Ricciardello – dallo stesso assessore Marisa Briguglio, dalla dottoressa Claudia Ricciardello e dalla professoressa Antonietta Scardino, ha segnalato i tre lavori vincenti, al quale se ne è aggiunto un quarto. Una classifica simbolica, ma ogni concorso ha una graduatoria conclusiva, in quanto il premio, una catasta di libri, per la biblioteca scolastica di appartenenza, era per tutti uguali. Terzi classificati sono stati i ragazzi  della IA della scuola media gioiosana con il lavoro “Antenne Verdi.. Il Coraggio di Sognare”; secondi quelli della VA della Giovanni Paolo di Capo d’Orlando con “Alla ricerca della mamma perduta, le avventure di istriciattolo”. Primi si sono piazzati i giovanissimi della IA di Longi con il lavoro “Se la Guerra di Troia fosse scoppiata vent’anni prima”. Inoltre e’ stato dato un premio speciale ad una ragazza dell’alberghiero di Brolo, Luciana Mileti, che ha scritto delle pagine di un diario davvero toccanti e profonde, sui ragazzi ed i tempi di oggi, tra le tante belle cose lei scrive che la musica deve essere dichiarata patrimonio del mondo e per questo le è stato donato il libro di Allevi. Un ringraziamento particolare – evidenzia l’assessore brolese, che ha ringraziato nello specifico tutti- va dato alla dirigente dell’istituto comprensivo “Giovanni Paolo II” Capo D’Orlando – la professoressa Antonella Milici.

Taglio diverso, all’incontro che nel pomeriggio si è tenuto alla “Rita Atria”, qui Antonio Baglio (Docente Uni-Me) e Luciano Armeli Iachipino (scrittore)  sono stati i relatori dell’incontro introdotto dal sindaco Brolese e condotto dalla professoressa Gabriella Messina, che ne ha anche curato l’organizzazione, che ha avuto come tema “LA MAFIA DI IERI E DI OGGI”. Una sala partecipata e attenta ha seguito i lavori, avviatisi alle ore 18,00 e protrattasi sino a tarda sera. L’assessore Briguglio, alla fine ha voluto evidenziare che l’unico neo di una splendida giornata è stata l’assenza – e si chiede il perché – proprio delle scuole brolesi e delle associazioni locali che si dedicano ai libri e alla cultura. A volte – ha detto l’assessore – non si è in grado di superare schematismi e personalismi, e si ergono inutili e dannosi steccati. Sono occasioni queste che al di la dei promotori, dovrebbero unire. Sono, per chi è assente, occasioni perse; ne perde il paese, né perdono i nostri giovani , né perde la scuola. Non è un bell’esempio che diamo ai ragazzi. Non averli fatti partecipare, invitandoli ad elaborare un progetto di scrittura, in un concorso che sarebbe stato sicuramente una esperienza positiva e valorizzante , è stato un episodio a mio avviso decisamente spiacevole. Librarsi in alto, a volte, per noi adulti è un dovere oltre che un imperativo.

E’ stata “festa” a Brolo con la Giornata del Libro ultima modifica: 2016-04-26T19:47:31+02:00 da CanaleSicilia