Home Politica Semplicemente Piraino: Il Sindaco Maniaci finisce “semplicemente” per contraddirsi nelle variegate rappresentazioni della sua verità!

Semplicemente Piraino: Il Sindaco Maniaci finisce “semplicemente” per contraddirsi nelle variegate rappresentazioni della sua verità!

687

Piraino - Gruppo consiliare Semplicemente PirainoIn merito alla nota a firma del Sindaco Maniaci apparsa su organi di stampa, inerente le perdite d’acqua nei sotterranei della Scuola di Zappardino, i consiglieri Salvatore Cipriano, Antonino Miragliotta, Erminia Calabria e Pina Saggio, componenti del gruppo consiliare “Semplicemente Piraino”, ritengono doveroso, nell’interesse comune, precisare quanto segue.

Desta più di un sospetto , anche nei più sprovveduti, l’impegno “ermeneutico” profuso dal Sindaco nella sua nota di risposta, rispetto a fatti ed atti della vicenda di che trattasi, il che è significativo delle “difficoltà” che ha trovato a giustificare il suo colpevole ritardo rispetto alla problematica sollevata da questi consiglieri, nell’esercizio delle proprie funzioni di vigilanza, controllo e partecipazione alla vita amministrativa. I suoi tentativi di arrampicarsi sugli specchi risultano vani, surrettizi, e disutili specie quando cercano di spostare l’attenzione su “altre argomentazioni politiche e non”, avulse dal caso specifico segnalato da questo gruppo consiliare, ed anzi offendono l’intelligenza dei Pirainesi e il loro proverbiale buon senso .

D’altronde, Signor Sindaco, risulta di lapalissiana ed incontrovertibile rilevanza l’aspetto sostanziale della vicenda, ossia che a seguito del nostro sollecito l’Amministrazione comunale si è immediatamente attivata con gli interventi necessari per porre fine (forse!) alle abbondanti perdite d’acqua che da tempo si registrano nei sotterranei della Scuola di Zappardino. Piaccia o non piaccia questo è oggettivo ed inconfutabile.

Atteso quanto sopra, sse, non possiamo esimerci dal rilevare che le mistificanti contraddizioni contenute nella nota diffusa dal Sindaco, altro non fanno che sostenere la “verità” così come rappresentata da questo gruppo consiliare.

Ma andiamo con ordine. Il Sindaco Maniaci asserisce che non corrisponderebbe al vero l’affermazione delle segnalazioni pervenuteci, già settimane prima, da parte dei genitori degli alunni, in quanto altrimenti risulterebbe “negligente e tardiva” la nostra segnalazione e, in ogni caso, sarebbe stato più logico che i genitori si rivolgessero all’autorità scolastica e non “sembra che ciò sia stato fatto”. Riferisce nella stessa nota che Sindaco, Assessore al ramo e Responsabile dell’Area Manutenzioni non sono stati mai informati della perdita d’acqua, ma l’Amministrazione nel mese di Marzo (da ultimo il 17 u.s.) ha effettuato lavori manutentivi per risolvere l’inconveniente.

Le contraddizioni che emergono dalla affermazioni del Sindaco sono lampanti, sembra un cane che si morde la coda (per dare una lettura in chiave proverbiale).

Se i genitori degli alunni non hanno mai segnalato il problema (a dire del Sindaco né a noi, né all’autorità scolastica) e noi non abbiamo mai precedentemente allertato amministratori e funzionari per le vie brevi, spieghi il Sig. Sindaco perché si sono resi necessari gli interventi eseguiti nel mese di Marzo, chi ha accertato illo tempore l’esistenza di dette perdite d’acqua e chi ha dato disposizione di compiere, neanche 20 giorni addietro, quegli interventi che, evidentemente, non sono stati adeguati e risolutivi.

La verità è che l’inconveniente era stato segnalato verbalmente, , diligentemente e tempestivamente dal Consigliere Calabria a membri dell’esecutivo e funzionari, a seguito delle segnalazioni ricevute da genitori degli alunni e altri cittadini, stante che i locali di cui si parla sono destinati a “deposito comunale” e non sono nella disponibilità dell’autorità scolastica.

Che le infiltrazioni d’acqua possano causare dissesti strutturali in edilizia non lo dicono certamente i componenti questo gruppo consiliare, ma la scienza delle costruzioni. Se ne faccia una ragione il Sindaco Maniaci, salvo che non voglia anche propinarci la “non veridicità” di tale scienza.

Che la notevole pozzanghera di acqua stagnante presente nei sotterranei della Scuola – e non l’intasamento fognario come afferma il Sindaco nella sua nota – unitamente all’umidità formatasi nelle murature hanno provocato l’emissione di odori nauseabondi ed attirato insetti di ogni genere, e quindi una situazione di degrado igenico-sanitario, è un dato di fatto che ha potuto riscontrare chiunque si è trovato nei pressi di detti locali. Se ne faccia una ragione il Sindaco Maniaci se noi consiglieri viviamo la realtà e il territorio pirainese nella sua quotidianità, ligi e fieri del mandato ricevuto dai cittadini a suon di “preferenze”, senza delle quali il Sindaco Maniaci non avrebbe ottenuto neanche il 50% dei suoi consensi.

Infine, per quanto attiene il demagogico e strumentale richiamo dell’emendamento presentato dal nostro gruppo in fase di approvazione del bilancio 2013, e che al dire del Sindaco ha sottratto “..consistenti risorse per l’edilizia scolastica..”, sappiano i pirainesi (basta consultare il sito on line del Comune e cercare la delibera consiliare n°59 del 23/12/2013) che quell’emendamento ha spostato la “consistente” somma di € 4.000,00, contenuta in un capitolo di bilancio molto più cospicuo, a fronte “dell’irrisorio” 1.000.000,00 di euro circa impegnato dall’Amministrazione comunale nel ramo della Pubblica Istruzione, con un notevole aumento dei costi del servizio rispetto al 2012 e senza alcun miglioramento dello stesso, soprattutto con riferimento al servizio di refezione scolastica che, a differenza di quanto contenuto nel programma elettorale premiato dai cittadini, continua ad essere esternalizzato con evidente spreco di risorse, precludendo la possibilità di somministrare ai nostri bambini i prodotti biologici offerti dal nostro territorio, così come promesso in campagna elettorale.

Per completezza d’informazione va detto altresì che le somme spostate con quell’emendamento sono state successivamente impegnate dal Sindaco e la Giunta per le finalità a cui erano destinate, ovvero sovvenzionare realtà associative e sportive presenti nel nostro Comune come la scuola di pattinaggio, che grazie all’impegno dei membri dell’Associazione “Skating Venere” coinvolge molti ragazzi e bambini e rappresenta un centro di aggregazione e di educazione sociale, in cui i componenti questo gruppo consiliare credono fermamente.

E sempre per completezza d’informazione dev’essere detto che in quella sede, un emendamento analogo presentato dal gruppo di minoranza “Nuova Piraino”, è stato votato favorevolmente dall’intero Consiglio Comunale, all’unanimità. Se il Sindaco Maniaci, almeno per una volta, desse prova di coerenza di azione e pensiero, interpretando anche questa circostanza come una volontà dell’intero Consiglio Comunale di “saldarsi all’originaria minoranza” avrebbe davvero da preoccuparsi per il futuro. Di contro, finché continuerà a “corteggiare” direttamente ed indirettamente i singoli membri dell’originaria minoranza, alla disperata ricerca di un consigliere che le garantisca una maggioranza in seno al Consiglio Comunale, avrà modo di continuare a sperare di restare comodamente “saldata” alla poltrona che occupa.

Riteniamo infine assolutamente arbitrario ed inadeguato il subdolo tentativo del Sindaco Maniaci di elevarsi a depositario di alcuna verità, sia essa riferibile “semplicemente “ alle perdite d’acqua della Scuola di Zappardino che ad altro; e sentiamo di far nostro il pensiero pirandelliano secondo cui: Ciascuno vede la realtà secondo le proprie idee e i propri sentimenti, in un modo diverso da quello degli altri: a fronte della realtà esterna che si presenta una e immutabile, abbiamo le centomila realtà interne di ciascun personaggio, per cui la vera realtà è nessuna.

Il Gruppo Consiliare
Semplicemente Piraino

Semplicemente Piraino: Il Sindaco Maniaci finisce “semplicemente” per contraddirsi nelle variegate rappresentazioni della sua verità! ultima modifica: 2014-04-16T12:09:17+02:00 da CanaleSicilia