Home Cronaca Scattano le manette per il “ragioniere” di Brolo – Falso, peculato e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche

Scattano le manette per il “ragioniere” di Brolo – Falso, peculato e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche

848

Carmelo ArasiCoordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Patti (ME), dalle prime ore dell’alba di questa mattina uomini dei Comandi Provinciali della Guardia di Finanza e dell’Arma dei Carabinieri stanno dando esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere ed a sei ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di ex amministratori e responsabili del Comune di Brolo (ME).

Ai destinatari delle misure cautelari vengono contestati i delitti di falso materiale ed ideologico in atti pubblici, di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e peculato per aver distratto a proprio favore somme di denaro dalle casse del Comune di Brolo, con riguardo alle annualità 2011, 2012 e 2013.

Il provvedimento in questione è stato emesso dal GIP del Tribunale di Patti, su richiesta della locale Procura della Repubblica, a seguito di indagini avviate nei primi mesi del 2013.

A trovarsi in carcere il ragioniere capo del Comune di Brolo, rag. Carmelo Arasi (nella foto a sinistra), mentre l’ex sindaco Salvo Messina è agli arresti domiciliari (implicato nelle vicenda dell’erogazione dei contributi alle società sportive).

Anche ai domiciliari Rossella Arasi, Santina Caranna, Antonella Campo, Giusy Di Leo e Costantino Maniaci.

Emessi anche tre divieti di dimora ed altri quattro avvisi di garanzia.

 

>> Qui i dettagli <<

Scattano le manette per il “ragioniere” di Brolo – Falso, peculato e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche ultima modifica: 2014-08-18T10:35:00+02:00 da CanaleSicilia