Home Politica Sant’Angelo – Impegno comune e «I “miracoli” promessi dal sindaco»

Sant’Angelo – Impegno comune e «I “miracoli” promessi dal sindaco»

4,015

Sant'Angelo di Brolo«I “miracoli” promessi dal sindaco? Il paese li aspetta Intanto c’e’ il fango, che gli torna puntualmente in faccia»

Quando si cerca di gabbare i cittadini con notizie non veritiere, tendenziose e insinuanti, si fanno figure barbine.

Sin dall’inizio dell’anno scolastico, l’Amministrazione ha dato a bere ai cittadini, ed in particolare ai genitori, che i locali del centro cottura della mensa scolastica versassero in condizioni igieniche disastrose, che necessitavano di improcrastinabili lavori di adeguamento e che mancasse “persino” ‘Autorizzazione sanitaria.

Dichiarazioni che, capirete bene, hanno creato non poco scompiglio nei genitori inermi i quali, giustamente preoccupati per la salute dei propri figli, e disconoscendo quella che è la reale situazione e la normativa, hanno creduto alle parole di chi, strumentalmente e solo per fini di vendetta politica, rappresenta, solo per sbaglio, la massima Istituzione locale.

Ma l’apice di questa sceneggiata si è raggiunto nel Consiglio Comunale del 3 novembre quando, a seguito di richiesta di chiarimenti da parte della giovane Consigliere di Minoranza Melina Fasolo, che si è vista aggredire verbalmente, l’Assessore al ramo, senza aver approfondito la questione e fidandosi ingenuamente di quanto asserito per mesi dal Primo cittadino, ha fatto affermazioni non veritiere sull’operato del Responsabile del Settore Igiene Pubblica del Distretto di Patti, professionista serio e ligio al dovere, preciso, che agisce sempre e soltanto nei termini previsti dalla Legge.

In quella stessa sede è stato ribadito che la mensa scolastica era priva di Autorizzazione Sanitaria, che l’ultima risaliva al 1996, che era quindi scaduta, e che il Dirigente avrebbe apposto parere, non si capisce su cosa, senza aver effettuato neppure un sopralluogo.

Affermazioni contestate dal Gruppo di Minoranza e puntualmente smentite dallo stesso Responsabile del Servizio di Igiene Pubblica dell’Asp il quale, con una nota ha chiarito che l’ispezione dallo stesso effettuata a seguito di esposto dell’Opposizione di allora, “non evidenziava di certo un pericolo per la salute degli scolari” e in relazione al fatto che per la mensa scolastica sia vigente un’Autorizzazione sanitaria rilasciata nel 1996 (come affermato con incompetenza in Consiglio) ha precisato che “ essa non è soggetta a rinnovo, salvo che non siano intervenute modifiche relative ai locali e alla tipologia di attività”.

Precisazioni che richiedono le opportune rettifiche da parte di chi si è arrogato il diritto di ledere la dignità professionale, non solo del Dirigente medico dell’Asp, al quale va la solidarietà ed il rispetto di questo Gruppo per l’onestà e la precisione con cui svolge il proprio lavoro, ma anche dell’Istituzione che egli rappresenta.

Bel rispetto che riservano alle Istituzioni!

Alla luce di tutto questo, condividendo l’utilità delle migliorie apportate ai locali del centro cottura (tutto è migliorabile e perfettibile), non si può non condannare il modo con cui hanno operato, nel maldestro tentativo di gettare fango sull’operato dei predecessori e, magari, distogliere l’attenzione dal fatto che, dietro tanta urgenza nell’eseguire quei lavori, non si sia nascosta un’altra promessa elettorale da mantenere.

Allora cari Amministratori Santangiolesi, che sinora pensate di essere detentori della verità assoluta, dimostrando, invece, una manifesta incapacità amministrativa ed una “ignoranza” delle più elementari norme del buon amministrare e del rispetto delle Istituzioni, non vi sembra ora di cambiare modo di operare, incominciando ad agire correttamente, piuttosto che pendere dalle labbra del vostro leader e, prima di metterci la vostra faccia, ad accertare, preventivamente e in autonomia i fatti?

Se foste stati meno ingenui, vi sareste evitati un’altra figura barbina. Aprite gli occhi, e non fatevi coinvolgere dalla saccente tracotanza altrui.

Sant’Angelo di Brolo, 09/12/2016

I consiglieri del Gruppo “IMPEGNO IN COMUNE”
Catia Giuliano; Melina Fasolo; Michela Maurotto; Michelangelo Di Nunzio

Sant’Angelo – Impegno comune e «I “miracoli” promessi dal sindaco» ultima modifica: 2016-12-09T21:18:06+01:00 da CanaleSicilia