Home Politica Sant’Agata – Sicurezza stradale, riflessioni sulla mozione

Sant’Agata – Sicurezza stradale, riflessioni sulla mozione

487

Sicurezza Stradale a Sant'AgataL’ultima mozione di alcuni consiglieri comunali sulla sicurezza stradale a Sant’Agata invita a fare alcune riflessioni.

Il Progetto sulla sicurezza stradale (rotonde fisse, piste ciclabili ed altri interventi di viabilità) già finanziato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel 2010, caduto nel dimenticatoio, è stato riavviato grazie al fatto che i fondi per il finanziamento sono stati sbloccati nel 2016.

Ed allorquando dall’Assessorato regionale sulle infrastrutture è stato richiesto al nostro comune l’invio della relativa documentazione (tra cui anche la copertura finanziaria del cofinanziamento di 105 Mila euro), al fine di dare corso all’emissione del decreto del finanziamento del progetto sulla viabilità comunale del P.N.S.S. (Piano Nazionale Sicurezza Stradale), l’amministrazione Sottile si sarebbe attivata da subito per la definizione e trasmissione agli organi competenti degli atti amministrativi relativi a questo progetto datato 2010, se solo fosse stata nelle condizioni di avere un bilancio comunale approvato dal consiglio comunale ed operativo nei tempi utili e non nel mese di gennaio quando il tutto risultava inutile!

Nel 2017 al momento dell’approvazione del bilancio il consiglio comunale ha ritenuto che il coofinanziamento di parte comunale anziché essere coperto con la contrazione di mutuo ammontante a 105 Mila euro, venisse invece coperto con i fondi comunali di una parte dell’avanzo di amministrazione (79 mila euro) destinati a manutenzioni e sicurezza stradale da subito spendibili e 26 Mila da altri fondi destinati ad altre attività e servizi .

Gli uffici comunali, una volta approvato il bilancio a dicembre 2017, da subito si sono attivati per trasmettere la documentazione necessaria all’assessorato affinché potesse redigere il decreto di finanziamento del progetto, che, tuttavia, dopo 7 anni va rivisto e rielaborato.

Nell’attesa che vengano espletate tutte le procedure necessarie, che potrebbe essere lunga, si sta già procedendo alla realizzazione delle rotonde provvisorie in corrispondenza di due incroci tra la strada circonvallazione e le strade provinciali in zona Muti e Terreforti, che vanno a sostituire i new jersey collocati diversi anni fa e che da ultimo hanno finito di svolgere la loro funzione perché mal ridotti dagli eventi atmosferici e stradali.

Tali rotonde si stanno realizzando solo grazie al “fondo di riserva”, che quest’anno, al contrario degli altri anni, è stato utilizzato, essendo il bilancio diventato operativo a partire dal 6 dicembre scorso. Sempre grazie al fondo di riserva, seppur di esigua consistenza, che il sindaco ha dato disposizione per dare corso a diversi interventi: è stato realizzato il manto stradale di via Massaua e di via Pace, si è proceduto alla riparazione delle buche presenti su quasi tutte le vie cittadine, nonchè alla riparazione di alcune pompe ed alla pulitura delle vasche di sollevamento fognario di Vallone Posta e Cannamelata. Ma il Fondo di riserva è stato destinato anche al ripristino di alcune parti della caserma dei Vigili del fuoco ed all’assegnazione di due incarichi professionali per la redazione del PAES e di un progetto per la messa in sicurezza di un altro corpo della scuola Capuana, necessari per partecipare a bandi di finanziamento.

Tuttavia, se il consiglio comunale avesse destinato maggiori risorse, da subito spendibili, e destinate alle manutenzioni delle strade, del sistema idrico e fognario, e che la giunta invece, nella propria proposta di bilancio aveva previsto, sicuramente oggi si sarebbe potuto procedere alla effettuazione di un maggiore numero di interventi, anche su altre zone del comune meritevoli di attenzione!

In questi giorni si stanno effettuando pure alcuni Interventi di sicurezza stradale con il rifacimento della segnaletica stradale.

Quest’ultimi interventi come i primi a dimostrazione che le cose vengono fatte quando c’è la disponibilità economica e non al contrario per mancanza di volontà e comunque nulla a che fare col fatto che tra breve si ritornerà a votare.

Sicuramente avremmo potuto fare molto di più nella gestione delle manutenzioni e dei servizi se il Consiglio comunale avesse avuto la maggioranza dei consiglieri in appoggio all’Amministrazione .In realtà la contrapposizione politica nelle attuali condizioni vissute dalla stragrande parte dei comuni con il rallentamento dell’azione amministrativa ha giocato un ruolo importante nella gestione soprattutto dell’ordinario della cui attività allo stesso tempo attraverso un abile marketing politico è stata data un’amplificazione mediaticamente negativa.

Però alla luce delle nuove norme in materia elettorale che dalle prossime consultazioni comunali consentirà al sindaco scelto di disporre di una maggioranza consiliare a suo sostegno a garantire una azione amministrativa più armoniosa, continuare a dare fiducia al percorso politico-amministrativo iniziato cinque anni fa, con tante cose realizzate in situazioni politico amministrative ed economiche molto difficili e proibitive, potrebbe essere l’occasione per dimostrare che la riproposizione del progetto originario con l’allargamento a nuovi contributi e con il presupposto primario del ricambio della classe dirigente, sarà garanzia di impegno, affidabilità e responsabilità .

Sant’Agata – Sicurezza stradale, riflessioni sulla mozione ultima modifica: 2018-01-31T15:57:25+01:00 da CanaleSicilia