Home Attualità Sant’Agata – Ordinazione sacerdotale di don Francesco De Luca

Sant’Agata – Ordinazione sacerdotale di don Francesco De Luca

2,900

don Francesco De LucaLunedì 2 gennaio 2017, nella Basilica Concattedrale di Patti, il diacono Francesco De Luca, della  comunità parrocchiale Santa Lucia di Sant’Agata Militello, è stato consacrato sacerdote realizzando così un suo progetto di vita che sempre più consapevolmente è andato maturando nel suo animo. Il rito di ordinazione è stato presieduto dal vescovo di Patti, S. E. Mons. Ignazio Zambito, che alla presenza di gran parte del Presbiterio della Diocesi, ha posto sulle mani del Diacono Francesco il sacro crisma, elevandolo così alla pienezza della dignità sacerdotale.

Martedì 3 gennaio, il novello sacerdote ha celebrato la sua prima Messa nella Chiesa San Francesco d’Assisi di Sant’Agata Militello, circondato e festeggiato da tutta la comunità santagatese.

don Francesco De LucaLa cerimonia ha avuto inizio con i saluti del parroco don Gaetano Franchina, del sindaco Carmelo Sottile e dell’amico Andrea Sturniolo e ha visto la partecipazione, oltre che del primo cittadino, delle autorità civili e militari, delle associazioni combattentistiche e d’arma (UNUCI, ANFI, ANC, ANPS) e dai rappresentanti di diverse associazioni santagatesi. Presenti anche numerosi sacerdoti della diocesi e diverse religiose.  

L’organizzazione dell’evento è stata curata dai ragazzi dell’Associazione Agorà e dal Gruppo Scout d’Europa che hanno mantenuto l’ordine durante tutta la solenne celebrazione. I canti sono stati eseguiti dalla Corale “Lorenzo Perosi” e dalla Corale “San Francesco d’Assisi”. Il corteo iniziale è stato accompagnato dalle marce eseguite dalla banda musicale Associazione “G. Verdi”.

Un pensiero di don Francesco De Luca

Carissimi, sono lieto di rivolgermi a voi, approfittando della mensile lettera alle famiglie, per condividere un breve pensiero sull’ordinazione sacerdotale che il prossimo 2 gennaio riceverò nella Concattedrale di Patti. Ringrazio il parroco, Padre Franchina, per avermi dato questa possibilità di parlare del dono immenso del sacerdozio e per avermi accompagnato nel mio cammino di crescita spirituale e di formazione.

don Francesco De Luca

Se oggi sono giunto a questo importante traguardo della mia vita lo devo anche al suo sostegno e al suo esempio di vita sacerdotale. Non so dove la mia vocazione a questo punto mi condurrà, ma sono certo che, dovunque andrò, porterò con me il ricordo e l’affetto di tutti voi, che mi siete stati vicini fin da bambino. In questi anni trascorsi nel nostro seminario vescovile ho maggiormente compreso l’importanza che il sacerdote ha per la vita di ogni cristiano. A lui infatti, in forza della sua ordinazione, è dato il compito di portare il Signore Gesù, attraverso la Parola e la celebrazione dei Sacramenti, a tutti coloro che desiderano incontrare il Signore. Se il sacerdote non vive in stretto rapporto con il Signore, perché, come dice san Paolo, tutto possa essere ricapitolato in Cristo, a nulla valgono la sua vita e i suoi sforzi. Quello che mi attende quindi è un compito impegnativo e tremendo, ma ricco di gioia e di felicità immensa, se si pensa alla grandezza della dignità sacerdotale, superiore, secondo quanto afferma la tradizione cristiana, a qualunque attività di questa terra, tremenda perfino agli angeli, come afferma il concilio di Trento. Oggi più che mai, come dice anche il nostro papa Francesco, è di fondamentale importanza che ci siano dei santi sacerdoti, innamorati di Cristo, che portino al mondo la buona novella del Vangelo e che si facciano vicini a tutti coloro che ormai sono smarriti e disorientati. Per questo non bisogna stancarsi di pregare il Signore, perché ci conceda che tanti e santi sacerdoti entrino a lavorare nella vigna del Signore, magari provenendo dalla nostra parrocchia. Certamente potete ben capire i sentimenti che in questi giorni albergano nel mio cuore, nel considerare il fatto che il sacerdote, quando esercita il suo ministero, agisce come un alter Christus e questo provoca in me timore di non essere all’altezza di tale compito, ma sono certo che mi starete sempre vicini in questa bellissima avventura che sto per iniziare.

Con l’animo colmo di gioia e di gratitudine per il dono del sacerdozio che il Signore mi ha concesso per il bene del popolo cristiano, mi pongo sotto la protezione della Beata Vergine Maria, di San Giuseppe e delle sante vergine e martiri Agata e Lucia, perché mi assistano sempre nel cammino della mia vita al servizio della Santa Chiesa e prego per tutti voi perché il Signore vi ricolmi di ogni benedizione e faccia crescere sempre più la nostra cittadina nella fede e nell’ amore reciproco, che solo nel nostro Signore trova il suo fondamento.

Don Francesco De Luca

Sant’Agata – Ordinazione sacerdotale di don Francesco De Luca ultima modifica: 2017-01-05T18:23:18+01:00 da CanaleSicilia