Home Politica Sant’Agata – Approvato dalla Giunta il “Programma di fuoriuscita dal bacino del precariato”

Sant’Agata – Approvato dalla Giunta il “Programma di fuoriuscita dal bacino del precariato”

763

Carmelo SottileLa Giunta¬†municipale¬†del Comune di Sant’Agata Militello ha approvato, il¬†“Programma di fuoriuscita dal bacino del precariato”, ¬†dando seguito a tutti gli adempimenti ¬†previsti da una recente circolare dell’Assessorato regionale della famiglia e delle politiche sociali e del lavoro che fissa in 30 giorni il termine ultimo perch√® i Comuni si attivino.

Nella¬†Circolare,¬†inviata a tutti i Comuni,¬†si legge:¬†“la Regione intende promuovere le procedure di contrattualizzazione a tempo indeterminato,¬†di¬†tutti gli enti utilizzatori di lavoratori socialmente utili” che vedrebbero cos√¨ trasformati i propri contratti.

“E’ un risultato di straordinaria importanza – afferma il sindaco, Carmelo Sottile – ed il provvedimento √® stato accolto ¬†con soddisfazione dai nostri lavoratori precari che, dopo anni, intravedono la possibilit√† di una reale e definitiva stabilizzazione e dalla nostra Amministrazione che potrebbe cos√¨ completare la propria pianta organica¬†ed assicurare cos√¨ la massima funzionalit√† dell’Ente nell’interesse dei cittadini”

Attualmente il Comune di Sant’Agata ha 89 lavoratori appartenenti al regime transitorio dei lavori socialmente utili con contratto di diritto privato part-time a 24 ore “Esistono rilevate necessit√† nella prosecuzione delle attivit√† socialmente utili – si legge nel corpo della delibera – in ragione del fabbisogno organizzativo e delle comprovate esigenze istituzionali volte ad assicurare i servizi gi√† erogati”¬†

“E‚Äô intendimento di questa Amministrazione – si legge ancora – predisporre, per i lavoratori, prioritariamente,¬†per i titolari di contratto di diritto privato part-time e successivamente per il personale ASU, un programma di fuoriuscita, compatibilmente con le capacit√† assunzionali dell‚ÄôEnte e chiedendo alla Regione Sicilia di assumere l‚Äôimpegno a storicizzare i flussi di spesa per la quota a carico regionale sostenuta finora, garantendo a questo Ente la copertura finanziaria nell‚Äôeventualit√† della trasformazione dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato a 24 ore ed il finanziamento della stabilizzazione per i 53 lavoratori ASU in forza all‚ÄôEnte con contratto a tempo indeterminato a 18 ore”.

“A questo punto –¬†conclude¬†il primo cittadino santagatese Sottile – la palla passa alla Regione. Il Comune di Sant’Agata, da quanto mi risulta, √® uno dei primi ad aver posto in essere tutti gli adempimenti richiesti dall’Assessorato regionale.¬†Lo abbiamo fatto prima ancora del termine ultimo previsto ed ora non ci resta che attendere che da Palermo¬†si completi l’iter¬†perch√® i nostri precari¬†e le loro famiglie¬†possano¬†vedere finalmente premiate le¬†loro antiche e legittime aspettative¬†e non siano pi√Ļ costretti a guardare al futuro con preoccupazione ma con maggiore serenit√†”

La Giunta, nelle scorse settimane, aveva approvato la delibera relativa alla Relazione sulle potenzialit√† assunzionali nel triennio 2016/2018 degli Enti locali che fruiscono dei contributi del fondo straordinario. Un adempimento fondamentale ai fini dell’erogazione del finanziamento del fondo del precariato.

Sant’Agata – Approvato dalla Giunta il “Programma di fuoriuscita dal bacino del precariato” ultima modifica: 2016-11-23T09:59:31+01:00 da CanaleSicilia