Home Politica Proroga dirigenti – M5S: Orlando ignora la sentenza del Tar

Proroga dirigenti – M5S: Orlando ignora la sentenza del Tar

988

Orlando NutiProroga dirigenti del Comune di Palermo. Nuti (M5S): “Orlando ignora sentenza del Tar”

“La decisione del Comune di Palermo di prorogare i dirigenti a tempo determinato indica chiaramente la scarsa volontà di seguire le indicazione del Tar e il buon senso. Sembra che l’amministrazione Orlando si senta impunibile da parte del governo nazionale e del ministero competente sulla vicenda”.

Così il deputato del M5S alla Camera Riccardo Nuti, commenta la notizia appresa dalla stampa sul rinnovo dell’incarico ad alcuni dirigenti esterni dell’amministrazione di Palazzo delle Aquile.

“La sentenza del Tar – afferma Nuti – ha statuito lo scorso 17 maggio che una delle 14 nomine fatte dal Comune è illegittima. Ciò fa presupporre che ci siano altissime possibilità che anche le altre 13 nomine, che hanno seguito lo stesso iter, lo possano essere. Se finora una sola nomina è stata bocciata dal Tar, questo è dovuto al fatto che un solo ricorso avverso ad una nomina è stato presentato. Se ne fossero stati presentati 14, probabilmente staremmo commentando l’azzeramento totale delle nomine fatte da Orlando”.

“Il sindaco – conclude Nuti – dopo la sentenza del Tar avrebbe dovuto procedere ad avviare una nuova selezione per riesaminare i curricula ricevuti, affidando la valutazione ad un organo collegiale, come prevede la legge (il Tuel, il testo unico sugli enti locali) anziché operare in maniera discrezionale, come è avvenuto. Ma evidentemente non c’è questa volontà”.

Sulla vicenda delle nomina dei 14 dirigenti esterni al Comune di Palermo, il Movimento 5 Stelle ha acceso da tempi i riflettori, con una interrogazione alla Camera, un esposto alla Procura della Repubblica ed una segnalazione all’Autorità nazionale anticorruzione.

Per il M5S, infatti, sono numerosissime le ombre che si stagliano sul concorso, confermate dalle perplessità sollevate anche dal segretario generale del Comune e responsabile anticorruzione, Fabrizio Dall’Acqua.

Le perplessità sollevate dal Movimento sembrerebbero trovare conferma nei risultati della selezione: su 14 dirigenti vincitori del concorso, infatti, ben 13 ricoprivano già il ruolo di funzionari all’interno del Comune. E questo a fronte di ben 800 domande pervenute da parte anche di candidati esterni.

Proroga dirigenti – M5S: Orlando ignora la sentenza del Tar ultima modifica: 2016-08-05T20:19:18+02:00 da CanaleSicilia