Home Politica Piraino – Marco Ceraolo: “√ą tempo di partorire”

Piraino – Marco Ceraolo: “√ą tempo di partorire”

1,127

…la battaglia sul tema del ciclo dell’acqua continua.

E’ noto che il sottoscritto, insieme ad altri ex consiglieri, appartenenti allo stesso gruppo politico¬†nel corso della precedente amministrazione, si sono intestati, la questione “acqua” nei vari aspetti,¬†compreso l‚Äôabbattimento del costo della tariffa idrica. In questo caso, sarebbe pi√Ļ opportuno¬†parlare di adeguamento del costo tariffario, lotta agli sprechi e anomalie varie (macchina dei ruoli¬†inceppata, contatori illeggibili, non censiti, disdette giacenti, ecc.) compresa l’annosa vicenda degli¬†evasori.

Grazie ad una serie di misure attuate negli anni sotto il nostro “pressante” impulso, si √® pervenuti¬†ad un abbattimento del costo dell‚Äôenergia elettrica, pari a circa il 40%, riuscendo a far uscire il¬†Comune dal ” regime di salvaguardia”, mettendo ordine ai conti, anche con misure drastiche,¬†affinch√© non si ritornasse a pagare l’energia elettrica in sovrapprezzo per la morosit√† del nostro¬†comune.

Oggi si apprende che da diversi mesi il Comune di Piraino √® nuovamente in regime di¬†salvaguardia. Come ben sa, ci√≤ comporta pagare l’energia elettrica con un sovrapprezzo non di¬†poco e di circa il 40% in pi√Ļ, con un ovvio spreco di risorse economiche sottratte all’utilizzo per¬†altri servizi in favore dei cittadini, quindi, in soldoni per tutti gli altri utenti, il prezzo √® pari a 100¬†per il nostro Comune attualmente ammonta a 140, costo in pi√Ļ che paghiamo noi cittadini in¬†bolletta. Ci√≤ vanifica i risparmi fatti nel corso degli anni. Tutto ci√≤ lo si pu√≤ evincere dalla¬†successiva tabella esemplificativa con dati per un comune generico siciliano (fonte web).

Tabella Esplicativa

Questa situazione va immediatamente sanata, senza se e senza ma, attivando tutte quelle iniziative utili che consentano di rientrare in regime di normalità.

Come gi√† detto, la spesa per l‚Äôenergia elettrica necessaria al sistema idrico era scesa drasticamente,¬†passando da ‚ā¨700.000 nel 2011/12 a ‚ā¨400.000 nel 2016/2017, con un risparmio netto annuo accertato¬†di ‚ā¨300.000, questo grazie agli interventi strutturali (es. Telecontrollo dei pozzi, sostituzione di¬†qualche km di condotte con l’eliminazione di molte perdite, ecc. ) e alla ‚Äúnormalizzazione‚ÄĚ della¬†tariffa elettrica. Ridurre questa spesa per un comune di piccole dimensioni come Piraino ha la¬†stessa portata di un cospicuo finanziamento di un’opera pubblica ottenuto annualmente.

Consapevole che abbiamo soltanto iniziato l’opera di normalizzazione e che molto rimane da fare,¬†Le sottopongo altre considerazioni.

Se si volesse tentare l’approvazione del bilancio di previsione (a cui mancheranno i soliti ‚ā¨800.000),¬†ben prima dell’imminente periodo estivo, dovrete deliberarne le tariffe per l’anno in corso.¬†Quale miglior occasione prevedere e dare la possibilit√† di dilazionare il costo dell‚Äôacqua in un¬†numero maggior di rate (minimo 3). Ed ancora, prevedere l’emissione del ruolo idrico nel primo¬†semestre, onde evitare il sovrapporsi di questa imposta con altre tasse e tributi (IMU, spazzatura, ecc).

Perch√© non prevedere uno scaglionamento complessivo delle varie imposte comunali restituendo i¬†risparmi fatti e applicando un sistema di tariffazione ‚Äúsociale‚ÄĚ che tenga conto di agevolazioni,¬†almeno per le famiglie numerose, visto che esse usano pi√Ļ acqua prettamente per bisogni¬†personali?

Ritiene che sia giusto introdurre una nuova tassa come quella da voi in previsione (tassa di soggiorno) per i turisti? Secondo me si, ma tali risorse dovranno essere utilizzate per il territorio, per migliorare i servizi e per un restyling del paese, non per fare cassa e coprire i sempre presenti buchi di bilancio. Quelli si coprono adottando anche una seria politica contro le grandi evasioni fiscali delle tasse comunali.

Infine sorgono dei dubbi e delle altre conseguenti domande: se la tariffa idrica viene determinata¬†sulla base dei costi di esercizio in cui l’energia elettrica rappresenta una delle voci pi√Ļ importanti,¬†al risparmio conseguito in questi anni non ne sarebbe dovuto derivare un certo e matematico¬†abbassamento della tariffa dell’acqua?

In presenza dei suddetti presupposti non si giustificherebbe la diminuzione della tariffa idrica?

Attuarlo è una scelta politica oppure una questione tecnica contabile? I conti tornano o non tornano?

Se si riuscisse a superare l’handicap della bassa capacit√† di riscossione pi√Ļ volte censurata anche¬†dalla Corte dei Conti non si conseguirebbe l’altro positivo risultato della necessit√† della¬†diminuzione del pagamento per interessi che il comune sopporta per il ricorso alla costante¬†anticipazione di cassa?

Mi auguro, e qualcuno mi smentisca con carte alla mano, che si applichi la rimodulazione della¬†tariffa dell’acqua insieme al costo di depurazione, in linea, del resto, con gli interventi gi√† avviati in¬†passato da noi ex, con punto di programma fatto vostro circa 9 mesi fa…

√ą tempo di partorire.

Fiducioso di concreta attuazione delle relative misure necessarie per risolvere i problemi sui temi sopra elencati, sono certo che la presente trova la condivisione del gruppo e di gran parte dei cittadini su cui pesano tali rugginosità, e che entrambi rimangono in attesa di concrete risposte.

Cordialmente,

Marco Ceraolo Spurio

Destinatario della nota: Maurizio Ruggeri sindaco di Piraino

Piraino – Marco Ceraolo: “√ą tempo di partorire” ultima modifica: 2018-02-15T13:54:09+01:00 da CanaleSicilia