Home Attualità Patti – In netto calo i visitatori che, nel 2017, hanno fruito dell’area archeologica di Tindari

Patti – In netto calo i visitatori che, nel 2017, hanno fruito dell’area archeologica di Tindari

548

GraficoSono in netto calo i visitatori che, nel 2017, hanno fruito dell’area archeologica di Tindari. Lo si evince dai dati diffusi dall’assessorato regionale ai Beni culturali relativi all’affluenza nei siti archeologici dell’Isola.

di Gabriele Villa – In totale, per Tindari, sono stati staccati, nello scorso anno, 40.844 biglietti di cui 24.157 pagati per un incasso di 139.073,00 euro. Dati ben inferiori al 2016 quando i visitatori erano stati 44.708 di cui 27.165 paganti per un incasso di 153.212,00 €. Un dato che deve far riflettere se si considera che, negli ultimi anni, la tendenza è stata in continua diminuzione. Calo generale che si è iniziato a registrare a partire dal 2014 quando i visitatori erano stati 51.219 di cui 31.513 paganti per un incasso 117.350,00 euro, mentre nel 2015 i biglietti staccati erano stati 48.575 di cui 32.361 paganti per un introito di 137.793,00 euro.

Il numero di fruitori, dal 2014 al 2017, ha quindi fatto registrare un calo di 10.375 persone. A fronte del numero inferiore di biglietti staccati si è però registrato un aumento degli introiti dovuto, con molta probabilità ad un piccolo aumento del costo del ticket di ingresso e del biglietto unico che, dal settembre 2015, garantisce il doppio accesso all’area archeologica di Tindari ed al sito della Villa Romana di Patti Marina.

Il calo di visitatori ha anche toccato il sito archeologico della frazione marina dove, nel 2017, i biglietti staccati sono stati 4.903 di cui 1.188 paganti per un incasso di 5.698,00 euro contro i 5.778 ticket totali dell’anno precedente con 1.083 paganti ed un introito di 5.020,00 euro.

Per quanto riguarda la Villa Romana, invece, nel 2014 i visitatori furono 4.852 di cui 1.698 paganti e 3.154 gratuiti per un in incasso di3.120,00 euro. Dati in linea con l’anno precedente quando, invece, i paganti furono 1.647, gli ingressi gratuiti 4.513 per un totale di 6.160 ed un incasso complessivo di 2.981,00 euro. Dati che, come per Tindari, fanno registrare una flessione anno dopo anno. Nel 2015, infatti, i visitatori erano stati 5.899, nel 2014 4.852, mentre nel 2013 ben 6.160. Il calo dal 2013 al 2017 è stato di ben 1257 ticket.

Nei giorni scorsi si è tornato a parlare di due importanti progetti che potrebbero cambiare il volto dell’area archeologica di Tindari con un investimento complessivo di quasi 7 milioni di euro.

Teatro Greco TindariGli interventi che dovrebbero partire subito dopo la stagione estiva riguardano da un lato la realizzazione ex novo di un palazzo dei servizi al cui interno saranno allocati gli uffici, i servizi igienici e nuovi spazi espositivi, e dall’altro la riqualificazione della zona del teatro greco (vedi foto) con l’ampliamento dei posti a sedere per gli spettacoli che dagli attuali 1000 passerebbero a 4000.

L’augurio è che, oltre agli interventi di riqualificazione, si possa anche prevedere una migliore cura del sito ed una maggiore promozione finalizzata a far aumentare il numero di turisti che, dati alla mano, sono in netto calo negli ultimi anni.

Patti – In netto calo i visitatori che, nel 2017, hanno fruito dell’area archeologica di Tindari ultima modifica: 2018-03-03T11:25:04+01:00 da CanaleSicilia