Home Politica Patti – La CISL Funzione Pubblica torna sulla vertenza

Patti – La CISL Funzione Pubblica torna sulla vertenza

1,335

PattiLa CISL Funzione Pubblica torna sulla vertenza, ancora in una fase interlocutoria, al Comune di Patti, e scrive una nota indirizzata agli iscritti, con la quale fa il punto della situazione e preannuncia iniziative, anche legali, qualora non dovesse essere raggiunto un accordo complessivo su tutte le questioni aperte, atteso che, per alcune, l’Amministrazione sembra poco incline a trovare le soluzioni.

“Di recente – hanno scritto Calogero Emanuele e Basilio Caruso – la CISL Funzione pubblica ha incontrato l’Amministrazione del Vostro Comune (Sindaco e Segretario Comunale), per affrontare le problematiche legate a:

  • riconoscimento del buono pasto;
  • convocazione del tavolo negoziale;
  • implementazione del personale Asilo Nido;
  • erogazione indennità di risultato ai titolari di Posizione Organizzativa;
  • definizione accordi decentrati anni pregressi;
  • ricontrattualizzazione dipendenti con contratto part-time.

Nel corso dell’incontro – si legge ancora – abbiamo riscontrato una parziale apertura su alcune questioni ma, di fatto, ad oggi non ha prodotto alcun risultato positivo”.  I vertici del Comune hanno assicurato che non appena sarà espresso il parere del Collegio dei revisori, sarà data attuazione all’accordo decentrato per gli anni 2015 e 2016, mentre per la ricontrattualizzazione dei lavoratori con contratto part-time, anche se sembra esserci la disponibilità, il tutto rimane subordinato all’invarianza della spesa e all’autorizzazione da parte del Ministero dell’Interno, perché l’Ente è dissestato. Anche per l’implementazione del personale dell’Asilo Nido sembra possa aprirsi uno spiraglio, mentre su tutto il resto c’è stata una chiusura totale.

“Sulla scorta delle precedenti constatazioni scrivono ancora Emanuele e Caruso – siamo giunti alla determinazione che ormai è necessario assumere altre e più efficaci iniziative per tutelare i diritti dei lavoratori, soprattutto con riferimento alla sospensione della fruizione del buono pasto e la messa in mora per la mancata convocazione per definire il contratto decentrato.

“Qualora l’Amministrazione non dovesse ritenere di rivedere la propria posizione – concludono i dirigenti della CISL Funzione Pubblica – acquisita la necessaria documentazione, di concerto con i nostri legali, valuteremo insieme ai lavoratori l’opportunità di adire l’Autorità giudiziaria”.

Calogero Emanuele e Basilio Caruso
CISL Funzione pubblica

Patti – La CISL Funzione Pubblica torna sulla vertenza ultima modifica: 2017-06-13T22:17:33+02:00 da CanaleSicilia