Home Attualità Patti – Consulta Giovanile: la biblioteca un luogo di cui riappropriarsi

Patti – Consulta Giovanile: la biblioteca un luogo di cui riappropriarsi

1,220

BibliotecaDando seguito ad una delibera approvata dall’assemblea della Consulta giovanile nell’Ottobre di quest’anno, i componenti della stessa Consulta hanno provveduto, nelle settimane scorse, alla donazione di alcuni libri alla Biblioteca comunale di Patti, sita in Villa Pisani, al fine di contribuire all’arricchimento del già copioso patrimonio culturale in essa custodito. L’iniziativa ha un duplice scopo: quello di collaborare concretamente alla crescita dei luoghi di maggior interesse sociale e culturale della Città – in questo caso, appunto, attraverso la donazione, per puro spirito di liberalità, di testi di importanti autori della storia della letteratura, da Shakespeare a Joyce, da Dostoevskij a Tolstoj – e quello di invitare la cittadinanza a riappropriarsi di spazi pubblici dalle grandi potenzialità, fino ad oggi non adeguatamente sfruttati.

La Consulta giovanile intende infatti lanciare un appello a tutti i cittadini, giovani e meno giovani, affinché un luogo così prezioso come la Biblioteca comunale possa essere considerato come merita e possa divenire una fonte di forte aggregazione e di scambio.

Purtroppo, da alcune sommarie “indagini”, è emerso che una parte della popolazione pattese non è neppure a conoscenza dell’esistenza di una biblioteca così ricca e che, pertanto, non ha mai pensato di usufruire dei suoi servizi. Inoltre, proseguendo nell’analisi, la Consulta giovanile ha potuto constatare come di essa ci si avvalga solo per il servizio di prestito dei libri, mentre raramente di essa ci si serve come spazio di studio, consultazione e ricerca.

Eppure, in un momento storico in cui la imperante e perdurante crisi dell’economia globale e locale e la carenza di risorse rendono a volte molto oneroso l’acquisto di libri e di altri beni di natura culturale, un sano utilizzo dei servizi bibliotecari pubblici potrebbe contribuire, tra le altre cose, a superare alcune difficoltà di ordine economico che spesso risultano essere di grande ostacolo soprattutto per gli studenti e, in genere, per i giovani che vogliano approfondire il proprio bagaglio di conoscenze.

Inoltre, per gli stessi studenti è talvolta difficoltoso trovare spazi in cui poter studiare con tranquillità, lontani dal fragore e dalle distrazioni delle attività quotidiane. Ebbene, le ampie sale dei locali di Villa Pisani potrebbero ben rispondere a questa esigenza, cioè di avere a disposizione dei luoghi idonei ad uno studio sereno. Ma fino ad oggi non si è riscontrata una “abitudine” ad approfittare di queste opportunità, anche a causa, come già detto, della loro mancata conoscenza; per queste ragioni la Consulta giovanile intende rivolgere il forte invito ai propri concittadini di recarsi presso la Biblioteca comunale e di poter apprezzare così le occasioni di crescita che essa offre.

A tal proposito, si auspica che gli organi amministrativi vogliano raccogliere la sollecitazione – che sarà oggetto di un’apposita richiesta della Consulta giovanile rivolta all’Amministrazione ed agli Uffici comunali competenti – per cui si possano trovare delle soluzioni per consentire l’apertura della Biblioteca comunale secondo orari più comodi e “flessibili”, in particolare nella fascia oraria pomeridiana, per consentire ad un maggior numero di persone di usufruire più agevolmente dei servizi da essa offerti. Inoltre, non sembra più procrastinabile un ammodernamento delle tecnologie disponibili: nello specifico, un “salto di qualità” potrebbe essere rappresentato dalla possibilità di connettersi liberamente alla rete internet (ad esempio con tecnologia wi-fi), strumento ormai necessario per ogni studente e per chi volesse, in genere, compiere attività di ricerca e di studio.

Dunque, la Consulta giovanile ritiene fondamentale dare il giusto valore ad un luogo così ricco di cultura e di potenziale aggregazione sociale e si propone come promotrice per un suo più efficiente impiego, nella speranza che la cittadinanza pattese voglia riappropriarsene e fare di esso un attivo, giusto e proficuo uso.

Patti – Consulta Giovanile: la biblioteca un luogo di cui riappropriarsi ultima modifica: 2014-12-22T15:03:34+01:00 da CanaleSicilia